prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza i ...assr.· prevenzione delle infezioni...

Download Prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza I ...assr.· Prevenzione delle infezioni correlate

Post on 15-Feb-2019

216 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Prevenzione delle infezioni correlate allassistenzaI dispositivi invasivi - Esperienze aziendali

Studio di Prevalenza europeo PPS 2011 - 2012

Un esempio di un intervento efficace per la riduzione delle ICA

Studio di prevalenza regionale 2012 esposizione a dispositivi

MEDSURICU

10,0%

25,0%

30,9%

56,3%61,1%

8,5%

CVC CV

Studio di Prevalenza regionale 2012 ICA correlate a dispositivi

MEDSURICU

2,7

4,9

0,6

4,0

1,8

3,9

CVC CV

Gli interventi per migliorare lappropriatezza dellutilizzo dei dispositivi invasivi

Gli interventi per migliorare la gestione dei dispositivi invasivi per la prevenzione delle infezioni correlate allassistenza

Utilizzo di figure dedicate: lesperienza dei PICC - team

Criticit nella gestione delle terapie

farmaci durata della terapia patrimonio venoso

Appropriatezza dei dispositivi

Criticit nella gestione del device

cura del device flebiti

prescrizioni ev terapia IC

RepartiinclusiOgnidegenzaordinariamedica

echirurgica RepartiesclusiPS OBISO DHDAYSURGERYAMBULATORIICU SubICU

SPDC

PazientiinclusiOgnipz ricoverato

PazientiesclusiPz assentiperdiagnosticao

interventistica

Nuoviricoveri(

Ausl Modena

AUSL Cesena - Studio osservazionale - valutazione appropriatezza utilizzo del dispositivo vascolare attraverso un algoritmo

-in ambito ospedaliero in 112 casi su 206 la scelta del dispositivo appare appropriata (54%)

- in ambito extraospedaliero in 18 casi su 72 la scelta del dispositivo appare appropriata (25%)

fondamentale non arrivare tardi

Devo dire al collega che dica al medico

di dire allanestesista che il paziente non ha

pi vene!

AUSL DI RAVENNA - anni 2011-2012Audit clinico - RISULTATI percentuali di conformit per obiettivi, azioni e periodi

Azione Periodi

1 2

(n=75) (n=77)

a) igiene mani pre 86,7 98,7

b) cuffie 80,0 96,1

c) maschera 78,7 98,7

d) camice 89,3 98,7

e) guanti 92,0 98,7

f) asepsi 64,0 92,2g) igiene mani post 48,0 72,7

h) conformit 28,0 46,8

Azione Periodi

1 2

(n=83) (n=108)a) igiene mani pre 69,9 94,4

b) guanti puliti 66,3 98,1

c) sterilit 86,7 97,2

d) disinfezione 69,9 88,9e) conformit(a+b+c+d) 30,1 81,5f) frequenza medicazione 89,4 92,6g) igiene mani post 50,6 88,9

Azione Periodi

1 2

(n=123) (n=111)a) igiene mani pre 54,5 82,9

b) guanti 73,2 73,0c) igiene mani post 64,2 59,5

d) disinfezione accessi 47,2 70,3e) rampe lontano fonti 85,4 88,3

f) rampe e rubinetti porte chiuse 95,1 88,3

INSERZIONE DEL CATETERE VASCOLARE: PERCENTUALE DI

CONFORMIT PER PERIODI

GESTIONE DELLA LINEE DI INFUSIONE DEL CVC. PERCENTUALE

DI CONFORMIT PER PERIODI

GESTIONE DELLA MEDICAZIONE DEL SITO DI INSERZIONE DEL CVC:

TECNICA. PERCENTUALE DI CONFORMIT PER PERIODI

AO di Bologna 2007/2011 Audit per la verifica della gestione dei cateteri venosi centrali

PICC 59

Percutanei 46

Totalmente impiantabili 4

Totale 109

IndicatoriAderenza alle linee

guida

Valutazione exit - site 96,2%

Utilizzo di antisettico appropriato 92,9%

Sostituzione della medicazione 97,2%

AUSL di Modena

10001

Tipologia di cateteri impiantati anno 2012 Cateteri

CVC acuti 122

Midline 14

PICC 21

Port 2

Totale 159

Complicanze infettive 1 1000 giorni catetere

AUSL Rimini

Gruppo di progetto multiprofessionale

Rischio Infettivo Malattie Infettive

Laboratorio Coordinatori infermieristici

II coinvolgimento dei professionisti e gli strumenti

epidemiologia clinica dai dati di Laboratorioa chi e come fare le urinocolture e linterpretazione dei risultati

le evidenze scientifiche per la prevenzione e il controllo delle IVU

mandato alle U.O. per lidentificazione delle barriere allimplementazione

1^ step

identificazione delle barriere al cambiamento dei comportamentiimplementazioni delle raccomandazioni (strumenti per gli operatori, il cittadino, la diffusione

dei bundle, adesione alligiene delle mani)

2^ step

valutazione di efficacia dei risultati (andamento urinocolture, consumo di antibiotici e antibioticoresistenza, applicazione dei bundle, incidenza CAUTI)

rivalutazione e consolidamento dei risultati a distanza di un anno (ottobre 2013)

3^ step

Risultati la gestione del catetere e le urinocolture

ESEMPIODIUNATABELLARIASSUNTIVA TOTALE COMMENTINumerototalediCVconuncommentoquotidianodocumentatosullanecessit dicontinuarelacateterizzazione 148 148suuntotaledi220pazientiNumerototalediCVcheeranoconnessicontinuativamente 220NumerototaledeipazienticonsapevolidellororuoloperridurreleIVUoppureigienedelmeatourinarioeffettuatodalpersonale 220NumerototalediCVchesonostatisvuotatiregolarmentecomeproceduraseparataincontenitoripuliti 220NumerototalediCVperiqualitutteleproceduresonostateeffettuateinmanieraasettica(igienedellemanieusocorrettodeiDPI)

220TABELLADELTUTTOONIENTE SPUNTARESE

REALIZZATOIl100%deiCateterivescicali insedesononecessari Il100%deiCVsonostaticontinuativamentemantenuticonnessi Il100%deipazienticonsapevolidellororuolonelridurreleIVU/curaquotidianadelmeato

100%dellesacchedidrenaggiosvuotateregolarmentecomeproceduraseparata

100%deiCVgestitiasetticamente(igienedellemaniprimaedopo;usocorrettodeiDPI)

Setutteleazionisoprariportatesonostateeffettuate,lacuradelCV stataottimale

AUSL Reggio Emilia La gestione del catetere La gestione del catetere vescicalevescicale appropriatezzaappropriatezza e rischio infettivo e rischio infettivo (AUDIT)

AUSL Reggio Emilia RisultatiAUDIT2008/2009emonitoraggio2011/2012(SDO)

2011 2012

pazienti con CV 22,1% 22,7%

CAUTI 27,4% 16,7%

UTI su tutti i pazienti 7,8% 4,8%

2008 2009

pazienti con CV 29,5% 21,5% - 8%

appropriatezza CV 79.6% 83.3% + 3.7%

permanenza media CV (gg) 13.9 11.4 - 2.5%

CV a circuito chiuso 83% 98% + 15%

lavaggi per disostruzione 16% 0.5% - 15.5%

Dipartimento medico - 2012

AUSL Bologna - Audit IVU

Bundle per la prevenzione delle infezioni associate a catetere urinario

Inserire il catetere con tecnica asettica e gestirlo come da linee guida (IA)

Considerare le alternative al cateterismo (IA)

Evitare le cateterizzazioni non necessarie (IA)

Rivalutare ogni giorno la necessit del catetere e rimuoverlo prontamente (IA)

AUSL Bologna - risultati

sino

sino

appropriatezza: 98,8%conoscenze 90,0%

sino

tecnica di inserimento e gestione: 82,4%

infezioni vie urinarie: 6.96/1000 giorni catetere

Utilizzo di figure dedicate i PICC team

pppp

Azienda USL di Modena

Azienda USL di CesenaAzienda Ospedaliera di Reggio Emilia

I PICC team (AUSL di Cesena, AO Reggio Emilia, AUSL di Modena)

SCELTA DEL DISPOSITIVOE FORMAZIONE DEGLI

OPERATORIIMPIANTO

GESTIONE DEL SITO DI ACCESSO

GESTIONE DELLE LINEE DI INFUSIONE

PREVENZIONE CRBSI

AUSL di Cesena1 febbraio 2012 : apertura AMBULATORIO INFERMIERISTICO

Attivit 2012

PICC punta chiusa 107

PICC punta aperta 51

MIDLINE 78

Totale 216

Grazie ai contributi di

Azienda Ospedaliera - Universitaria di Bologna

Azienda USL di Bologna

Azienda USL di Cesena

Azienda USL di Modena

Azienda USL di Ravenna

Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia

Azienda USL di Reggio Emilia

Azienda USL di Rimini

nella speranza ..che domani le ICA siano un AMARCORD

Recommended

View more >