scarica il pdf completo

Download Scarica il pdf completo

Post on 30-Dec-2016

223 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Gennaio 2009

    PERIODICO BIMESTRALE DELLARCISPEDALE SANTA MARIA NUOVA DI REGGIO EMILIA

    Registrazione del Tribunale di Reggio Emilia n. 940 del 11/02/97 Anno XIV 2009 n.1/2

    Poste Italiane s.p.a. - Spedizioni in abbonamento postale - 70% - DBC Reggio Emilia

    n. 1/2

    LARCISPEDALE NELLA CITT

    ORTOGERIATRIA: UN MODELLO DI CURA INNOVATIVO PER RIDURRE LIMPATTO DELLA FRATTURA DI FEMORE NELLANZIANO FRAGILE

    LATTIVIT DELLA NEUROCHIRURGIA DI URGENZA AL S. MARIA NUOVA

    STUDIO E IMPLEMENTAZIONE DI UNA STRATEGIA PER LA PREVENZIONE DELLE LESIONI DA PRESSIONE IN UGA (UNIT GERIATRICA PER ACUTI)

    INSERTO

    LEDIFICIO SPALLANZANI INTERVENTI PER LA MOBILIT SOSTENIBILE NUOVE TECNOLOGIE

    IL MASCHILE E IL FEMMINILE IN ONCO-EMATOLOGIA: STORIE DI VITA, VISSUTI E PROGETTI A CONFRONTO

    CHANGING THE WAY WE CARE FOR DIABETES

    RILEVAZIONE SULLUTILIZZO DEL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO CULTURALE E SUI BISOGNI FORMATIVI DEGLI OPERATORI

    INSIEME SI VINCE

    RICONOSCIMENTO SCIENTIFICO SULLIPOACUSIA IMPROVVISA (SHL)

    LA FORMAZIONE UNIVERSITARIA TRIONFA AL CONGRESSO!

    LE ABILIT RELAZIONALI NELLA RELAZIONE DAIUTO E NELLA RELAZIONE TRA I PROFESSIONISTI

    A r c i s p e d a l eS a n t a M a r i aN u o v a

  • SOMMARIO NOTIZIE

    PERIODICO BIMESTRALE DELLARCISPEDALE S. MARIANUOVA DI REGGIO EMILIA

    REG. TRIB. DI REGGIO E. N. 940 DEL 11/02/97

    ANNO XIV - 2009 - N. 1/2

    Poste Italiane s.p.a. - Spedizioni in abbonamentopostale - 70% - DBC Reggio Emilia

    DIRETTORE RESPONSABILELidia Scalabrini

    HANNO COLLABORATO A QUESTO NUMERO:Antonio Arcopinto

    Cristiana Caffarri

    Roberto Caroli

    Loredana Cerullo

    Massimiliano Contesini

    Maria Luisa Davoli

    Salvatore De Franco

    Marco Ganassi

    Reza Ghadirpour

    Monica Grimaldi

    Stefania Gualandri

    Corrado Iaccarino

    Marina Iemmi

    Cinzia Iotti

    Salvatore Ippolito

    Enrica Manicardi

    Giampiero Mantenuto

    Elisa Mazzini

    Franco Nicoli

    Marzia Prandi

    Antonio Romano

    Gianpaolo Russi

    Alessia Salsi

    Paolo Santini

    Franco Servadei

    Carla Tromellini

    Orietta Vecchi

    Direzione GeneraleLarcispedale nella citt

    Dipartimento Neuro-MotorioOrtogeriatria: un modello di cura innovativo per ridurre limpatto della frattura di femore nellanziano fragile

    Dipartimento Neuro-MotorioLattivit della Neurochirurgia di Urgenza al S. Maria Nuova

    Dipartimento Neuro-MotorioStudio e implementazione di una strategia per la prevenzione delle lesioni da pressione in UGA (Unit Geriatrica per Acuti)

    INSERTOLedifi cio Spallanzani Interventi per la mobilit sostenibile Nuove Tecnologie

    La Voce delle AssociazioniIl maschile e il femminile in Onco-Ematologia: storie di vita, vissuti e progetti a confronto

    Dipartimento Medicina Interna e Specialit MedicheChanging the way we care for diabetes

    Direzione Medica di PresidioRilevazione sullutilizzo del Servizio di Mediazione Linguistico Culturale e sui bisogni formativi degli operatori

    Servizio Formazione, Innovazione Clinica e BibliotecaDirezione Infermieristica, Tecnica ed Ostetrica Insieme si vince

    Servizio Immunoematologia e Trasfusionale Riconoscimento scientifi co sullipoacusia improvvisa (SHL)

    Direzione Infermieristica, Tecnica ed OstetricaLa formazione universitaria trionfa al Congresso!

    Direzione Infermieristica, Tecnica ed OstetricaDipartimento Medicina di LaboratorioLe abilit relazionali nella relazione daiuto e nella relazione tra i professionisti

    SEGRETERIA DI REDAZIONEUffi cio Comunicazione Aziendale

    Viale Umberto I, 50 - 42100 Reggio EmiliaTel. 0522 296836/296806 - Fax 0522 296384

    E-mail: uffi cio.comunicazione@asmn.re.it

    GRAFICA E STAMPA

    Nerocolore Correggio (RE)

    3

    4

    7

    10

    21

    18

    16

    15

    22

    23

    25

  • Direzione Generale

    LARCISPEDALE NELLA CITT

    3 NOTIZIE Gennaio 2009

    Lanno 2008 appena concluso ha visto compiere diverse tappe signifi cative per la vita dellArcispedale che conti-nua nel suo percorso di crescita e sviluppo tecnologico e strutturale, senza perdere di vista lintegrazione con larea nella quale si trova, le esigenze della citt nella quale inserito e, non ultimi, gli standard di accoglienza dovuti a pazienti e familiari oltre che a tutti i dipendenti. Con que-sto intento ha preso avvio, lo scorso Febbraio, il Progetto di Riqualifi cazione dellarea ospedaliera frutto dellAccor-do di Programma tra Azienda Ospedaliera e Comune di Reggio Emilia ed proseguita la riqualifi cazione delledi-fi cio Spallanzani. Le pagine centrali di questo numero di Notizie propongono una sintesi di quanto realizzato. Il miglioramento della viabilit e della qualit ambientale sono state le priorit che hanno ispirato la complessiva riorganizzazione di diverse zone interne ed esterne al Santa Maria Nuova. Nuove misure per la facilitazione dellaccesso alle strutture da parte di pedoni e mezzi pub-blici, la creazione di barriere antirumore, la regolamen-tazione della sosta sono alcuni tra gli interventi realizzati. A complemento vi stata la attivazione di fermate della nuova Linea H del Minib allinterno dellarea ospedalie-ra, la creazione di un deposito protetto per le biciclette e la predisposizione di una postazione di Bike Sharing nella quale noleggiarle.Tutto ci rappresenta un incentivo allutilizzo di mezzi alternativi allauto con conseguenti

    benefi ci per unarea che riveste importanza cruciale per la citt. Ulteriori posti auto per i dipendenti sono stati allestiti nel parcheggio retrostante ledifi cio ospedaliero e numerosi altri verranno resi disponibili, per lutenza, nel tratto fi nale del Viale Murri. Prosegue, intanto, con soddi-sfazione, la valorizzazione dello Spallanzani attraverso il progressivo completamento della sua riqualifi cazione. Lo storico edifi cio, patrimonio dellAzienda e della citt di Reggio Emilia, che ospita dal Giugno 2007 molta parte dei servizi amministrativi della Azienda, ha visto la ottima-le destinazione di ulteriori trecento metri quadri al piano rialzato con la inaugurazione, lo scorso 11 Novembre, del Laboratorio Analisi del Movimento e dei nuovi loca-li del Corso di Laurea in Fisioterapia ed il trasferimento del Servizio Prevenzione e Protezione dellAzienda, del Medico Competente e delle Assistenti Sanitarie. Larrivo, rispettivamente presso la struttura di Radiologia e di Ra-dioterapia, delle prestigiose apparecchiature RMN 1,5 Tesla e IORT (Intra-Operative Radiation Therapy), que-stultima assegnata alla nostra Azienda nellambito del programma regionale per linnovazione tecnologica, ac-crescono ulteriormente le nostre potenzialit diagnostiche e terapeutiche.

    Ivan TrentiDirettore Generale

    2 Dicembre 2008 - Il sindaco Graziano Delrio in visita al S. Maria Nuova per conoscere da vicino le nuove tecnologie

  • Dipartimento Neuro - Motorio

    ORTOGERIATRIA: UN MODELLO DI CURA INNOVATIVO PER RIDURRE LIMPATTO DELLA FRATTURA DI FEMORE NELLANZIANO FRAGILE

    4 NOTIZIE Gennaio 2009

    La frattura di femore rappresenta una delle cause pi importanti di incremento di mortalit e di perdita di au-tosuffi cienza nellanziano. A seconda delle casistiche la mortalit a 30 gg di circa il 10%, a 6 mesi del 20% e a 12 mesi pu superare il 30%. Un eccesso di mortalit segnalato anche oltre 2 anni dallevento. Circa il 20% dei pazienti sviluppa com-plicanze mediche nel post-operatorio, in particolare di tipo cardiaco e pol-monare, ma spesso multiple. Ci com-porta in genere un allungamento dei tempi di degenza, mentre elevata la percentuale di reingressi, soprattutto nei dimessi a domicilio. A un anno il recupero delle condizioni pre-esistenti viene raggiunto, a secon-da dei vari gruppi studiati, in poco pi del 40% mentre il 20-25%, a causa di invalidit permanente, va incontro a istituzionalizzazione defi nitiva. Le risorse necessarie alla gestione sani-taria e assistenziale sono pertanto ele-vatissime e con linvecchiamento della popolazione il problema destinato a crescere ulteriormente. Let media dei pazienti che accedono ai reparti di Ortopedia per frattura di femore infatti in progressivo aumento; nel contempo limpatto sulla sopravvivenza e

    sullautonomia peggiore tanto pi avanzata let e la comorbidit. Cosi, mentre la mortalit nei pazienti anziani affetti da altre patologie come linfarto e lictus si progressiva-

    mente ridotta, la mortalit per frattura di femore non migliorata negli ultimi 40 anni e in alcune casistiche continua a peggiorare, a dispetto del continuo mi-glioramento delle tecniche chirurgiche e anestesiologiche. Nel tentativo di inver-tire questo trend, nellultimo decennio in tutto il mondo si sono sviluppati modelli di cura specifi ci per la gestione della frattura di femore nellanziano, che pre-vedono lintegrazione delle competenze ortopediche con quelle geriatriche. Al-cuni sistemi sanitari, come quello ingle-se, prevedono gi che in ogni ospedale per acuti debba essere presente almeno un centro dedicato di Ortogeriatria, in stretta relazione con un servizio di pre-venzione delle fratture e delle cadute. Le modalit organizzative fi nora realiz-

    zate sono diverse (consulenza geriatrica senza presa in carico del paziente, presenza quotidiana del geriatra in Ortopedia con presa in carico del paziente per quanto di sua competenza gi dallingresso, intervento dellor-topedico sui pazienti fratturati ricoverati sin dallinizio in

  • ORTOGERIATRIA: UN MODELLO DI CURA INNOVATIVO PER RIDURRE LIMPATTO DELLA FRATTURA DI FEMORE NELLANZIANO FRAGILE

    5 NOTIZIE Gennaio 2009

    Geriatria, trasferimento precoce del paziente dopo lintervento dallOrtopedia in unit di post-acuzie riabilitativa a gestione geriatrica). Nel nostro contesto un gruppo di lavoro multi