la pietra. il mestiere e l'arte del decorare

Download La Pietra. Il mestiere e l'arte del decorare

Post on 22-Jul-2016

354 views

Category:

Documents

6 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Storia della lavorazione della pietra nella provincia di Cosenza

TRANSCRIPT

  • 1

  • 2

  • LA PIETRAIL MESTIERE E LARTE

    DEL DECORAREStoria della lavorazione della pietra

    nella provincia di Cosenza

    Comune di Albiano

    CASSA DI RISPARMIO DI CALABRIA E DI LUCANIA

    PROVINCIA DI COSENZA SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICI ARTISTICI

    ED ETNOANTROPOLOGICI DELLA CALABRIA

    MINISTERO PER I BENIE LE ATTIVITA CULTURALIDIREZIONE REGIONALE CALABRIA

    18 Giugno27 Settembre 2015Museo delle Arti e dei Mestieri

    della Provincia di CosenzaMuseo delle Arti e dei Mestieri

    della Provincia di Cosenza

    18 Giugno27 Settembre 2015

  • 3LA PIETRAIl mestiere e larte del decorare

    Storia della lavorazione della pietranella provincia di Cosenza

    Museo delle Arti e dei Mestieri18 Giugno-27 Settembre 2015

    Comune di Albiano

    Provincia di Cosenza

  • 4La mostra La Pietra. Il mestiere e larte del decorare promossa dalla Provincia di Cosenza con il patrocinio ed il sostegno della Fondazione Carical e con la collaborazione dellUniversit della Calabria Dipartimento di Studi Umanistici. resa possibile grazie ai gentili prestiti dellArchivio di Stato di Cosenza, del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide, del M.I.S.A.R di Rogliano, dellEco-Museo dellArgentario e del Distretto del Porfido e delle pietre Trentine (sostenuti da APT Pin Cembra e Comune di Albiano -TN-, Societ Trentino Sviluppo e Ditta Zanettin s.r.l).

    LA PIETRAIl mestiere e larte del decorare

    Storia della lavorazione della pietra nella provincia di Cosenza

  • 5Curatore della mostra, della didattica e del catalogo: Anna Cipparrone

    Comitato scientifico: Anna Cipparro-ne, Giorgio Leone, Cristiana Coscarel-la. Si ringraziano per la preziosa colla-borazione il maestro Eduardo Bruno e il maestro Gabriele Ferrari

    Albo dei prestatori: Archivio di Stato di Cosenza, Museo Nazionale Archeolo-gico della Sibaritide, Museo M.I.S.A.R. di Rogliano, Ecomuseo dellArgenta-rio, Distretto del Porfido e delle Pietre Trentine

    Albo degli artigiani: Gabriele Ferrari di Altilia, Diego Ferrari di Altilia, John Santo Alessio di Altilia, Ferdinando Gatto di Rogliano, Domenico Madia di San Giovanni in Fiore. Per il Trenti-no Alto Adige espone la Ditta Zanet-tin di Cembra (TN)

    Albo delle cave di pietra: Massimo Al-banese e Gianni Longobardi di San Lucido, Franco Cannataro di Mendici-no, Domenico Madia di San Giovanni in Fiore.

    Albo degli artisti: Eduardo Bruno di San Marco Argentano, Angelo Aligia di Maier, Salvatore Pepe di Praia a mare, Franco Paletta di Rende, Nicola Di Domenico di Pedivigliano, Fulvio Longo di Maier, Michelina Consalvo, Rosa Consalvo, Amatore Di Tullio di Bari

    Autori del catalogo: Mario Occhiuto,

    Mario Bozzo, Marisa Spizzirri, Anna Viteritti, Patrizia Filippi, Anna Cippar-rone, Amedeo Lico, Giuseppe Roma, Pasquale Apolito, Luciana De Rose, Maria Rosaria Salerno, Cinzia Alto-mare, Giorgio Leone, Ludovico Noia, Alberto Pincitore, Marina Ameduri, Catia Salfi, Francesca Carvelli, Maria DErmoggine, Cecilia Perri, France-sca Pasculli, Antonella Salatino, Luca Irwin Fragale, Melissa Acquesta, Cri-stiana Coscarella, Gabriele Ferrari e Francesco Paolo Dodaro.

    Pannelli didattici della mostra: Anna Cipparrone

    Servizio didattica al pubblico: Maria Cristina Argento, Rossana Carid e Antonio Cosentino - Studenti Univer-sit della Calabria. Si ringrazia per la collaborazione Antonio Bonifati, gi tirocinante e studente della Laurea ma-gistrale in Storia dellArte

    Laboratori artigiani sulla lavorazione della pietra e laboratori con i Licei arti-stici di Cosenza e San Giovanni in Fio-re. Finissage con Zanettin s.r.l Trenti-no Alto Adige

    Progetto espositivo e allestimento: Anna Cipparrone. Si ringraziano per la collaborazione Fabrizio Marano, Ga-briele Ferrari, Luigi Caputo e la squa-dra edilizia della Provincia di Cosenza.

    Campagna fotografica di Giulio Ar-chin per la sezione storico-artistica. Si ringrazia Caterina Iannelli per la docu-

    mentazione fotografica sugli artigiani e lAssociazione Geo Arte Onlus di Ma-ier per le immagini della pietra di Gri-solia, nonch gli autori che ne abbiano fornito nei loro contributi.

    Progetto video nelle botteghe artigia-ne: Pino Iannelli

    Installazione sugli antichi portali: Ga-briele e Diego Ferrari, John Santo Alessio

    Progetto grafico della mostra: Fabrizio Marano

    Catalogo: Pellegrini Editore, Cosenza

    Traduzione: Laura Verta

    Promozione e comunicazione: Rosita Gangi per la Provincia di Cosenza, Fa-brizio Marano per il MaM

    ISBN: 978-88-6822-301-4

    Si ringraziano Giovanna Capitelli, do-cente di Storia dellArte presso lUni-cal, Alessandro dAlessio, gi direttore del Museo Nazionale della Sibaritide e Salvatore Patamia, dirigente della Di-rezione Regionale per i beni culturali della Calabria per lattenzione mostra-ta nei confronti del progetto.Un sentito ringraziamento allAmmi-nistrazione Provinciale per aver con-sentito, seppur in un momento di forte difficolt per le Province, i Musei e i Sistemi Museali Provinciali, la realizza-zione della mostra.

    La Pietra. iL mestiere e Larte deL decorarestoria deLLa Lavorazione deLLa Pietra neLLa Provincia di cosenza

    Museo delle Arti e dei Mestieri18 GiuGno-27 setteMbre 2015

  • 6

  • 7La citt di Cosenza e il Museo delle Arti e dei Mestieri della Provincia, coinvolto nella finalit di recuperare le antiche tradizioni artigiane del territorio, propongono linteressante mostra La Pietra. Il mestiere e larte del decorare. Storia della lavorazione della pietra nella provincia di Cosenza.

    Liniziativa consente ai cittadini di tutto il territorio provinciale, di riacquisi-re le profonde radici storiche di questa importante tradizione artigiana. Lo scopo quello di ricostruire la vicenda storica e la filiera della lavorazione della pietra locale, fin dalla sua estrazione, attraverso un corpus di saggi contenuto nel cata-logo, frutto di ricerche geologiche, archeologiche, documentarie e storico-artisti-che fiorite sul territorio e con una ricca ricognizione di maestri artigiani e artisti che ancora oggi lavorano la pietra cosentina.

    Un mestiere, quello dello scalpellino, che si unisce al mastro fabbricatore o architetto, citato dalle fonti documentarie, costituendone parte integrante del suo cantiere. Nella citt di Cosenza le loro opere sono visibili in ogni angolo del nostro centro storico e, solo per citare due illustri esempi, nel fortilizio cittadino e nella Cattedrale, realizzati proprio in pietra locale e decorati da sapienti maestri scalpellini.

    La mostra, infine, amplia il suo raggio di azione e si orienta verso la promo-zione di una risorsa naturale in quanto tale, sollecitandone il recupero in termini culturali. E persegue questo intento, in continuit con le mostre gi proposte sulla Ceramica, il Legno, i Tessuti e lOro, invitando una solida realt extraterrito-riale che, in questa occasione, il Trentino Alto Adige, terra nota per la ricchezza dei suoi giacimenti pietriferi e oggi sede del Distretto del Porfido e della Pietra Trentina, best practice nel recupero e nella promozione delle materie del territo-rio anche in termini identitari.

    Una iniziativa, quindi, che valorizza la ricchezza delle risorse presenti nella provincia di Cosenza e la conseguente variet, nonch il valore, del patrimonio culturale che, dal suo utilizzo, scaturito nei secoli.

    MArio occhiutoPresidente della Provincia di Cosenza

  • 8Il Museo delle Arti e dei Mestieri della Provincia di Cosenza continua a promuovere iniziative che mirano a valorizzare momenti significativi della nostra storia e della creativit che la Calabria ha saputo esprimere in diversi settori.

    La mostra su La Pietra, il mestiere e larte del decorare, si pone, quindi, in linea di continuit con quanto stato gi realizzato. La nostra Fondazione, da sempre impegnata nella valorizzazione dei beni culturali, cui appartiene di diritto il vasto mondo dellartigianato, piccolo e grande, aderisce volentieri alla richiesta di con-tribuire alla realizzazione dellevento.

    Lo fa, non con latteggiamento di chi guarda al passato come ad un bene per sempre perduto verso il quale indirizzare inutili rimpianti e improduttivi accenti di nostalgia, ma con lintento, motivato e convinto, di guardarvi con lanimo di chi memore, innova, di chi vuole, cio, dare continuit, in contesti mutati, a quanto stato fatto nei secoli.

    Gli stessi musei avrebbero poco senso se si limitassero ad esporre i segni del passato. Essi, invece, assumono una funzione strategica se sono funzionali alla volont di dare un futuro alla memoria: un compito che, ovviamente, chiama in causa le responsabilit decisionali di tutte le Istituzioni interessate.

    Solo cos la nostalgia cede il posto alla speranza ed il rimpianto allimpegno.Questa motivazione, recentemente, ha portato la nostra Fondazione ad

    aderire allassociazione OMA, Osservatorio dei Mestieri dArte, promossa dallEnte Cassa di Risparmio di Firenze.

    Il programma dellOMA e delle Fondazioni che vi partecipano ambizioso e prevede, tra laltro, la possibilit di realizzare, anche nel nostro territorio, ini-ziative condivise ed interscambi tra diverse esperienze, con la presentazione di esempi virtuosi, adattabili e replicabili in tutte le realt.

    MArio bozzo Presidente della Fondazione Carical

  • 9Tradizione e innovazione, artigianato e arte, risorse naturali e sperimen-tazione artistica. Questi i temi che animano la mostra La Pietra. Il mestiere e larte del decorare. Storia della lavorazione della pietra nella provincia di Cosenza promossa dal MaM in perfetta rispondenza alle sue finalit di recupero, ricostruzione e valoriz-zazione della storia del territorio attraverso i topoi dellartigianato artistico.

    Una mostra che prende le mosse da una risorsa naturale