giornalino dei diritti a cura della scuola primaria del 2 ... ?· giornalino dei diritti a cura...

Download Giornalino dei diritti a cura della Scuola Primaria del 2 ... ?· Giornalino dei diritti a cura della…

Post on 16-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Giornalino dei diritti a cura della Scuola Primaria del

2 CIRCOLO DIDATTICO SCUOLA SPERIMENTALE EUROPEA

SOMMA VESUVIANA

Quello che sta per concludersi stato, per la nostra scuola, un anno proficuo per la realizzazione di quegli obiettivi che occupano un posto rilevante nel Piano dell Offerta Formativa. Siamo grati alla Regione Campania che, con il contributo della Legge 39/85 art. 2, ha consentito la realiz-zazione del progetto L Alfabeto della Pace. E stato un articolato percorso che ha guidato gradualmente alleducazione alla Legalit, attraverso i temi della Pace, della Giustizia e della Solidarie-t. Un lavoro di cooperazione grazie al quale la nostra scuola si vista prota-gonista insieme alle altre scuole del territorio, che hanno collaborato pro-grammando allinterno del coordi-namento In nome della pace, atti-vo sul nostro territorio da oltre tre anni. E stato un lavoro in rete grazie al quale gli alunni hanno avuto possibi-lit di sperimentare una cooperazione che, bandendo la competitivit, si dimostrata grande esempio di pace. Il grande fermento di questanno, ha visto i nostri bambini impegnati, oltre che negli ormai consolidati appunta-menti per il Meeting in nome della pace, per la celebrazione della Giornata della Memoria e per la Giornata della Legalit, in oriz-zonti formativi del tutto nuovi. Esperienze di rilevante entusiasmo sono state: il tutoraggio, da parte dei

PACE, GIUSTIZIA E SOLIDARIET : CAPISALDI DELLA LEGALIT

giovani del liceo Torricelli, con i laboratori alla Mondialit; limple-mentazione della Banca della Solida-riet, in favore del progetto Chiedo Asilo, a favore dellAssociazione A.M.A. di don Genaro Matino; la sottoscrizione di un Impegno solenne alla cultura della Giustizia e della Legalit; la partecipazione agli OSL (Osservatori Scolastici della Legalit), lanciati in vista della costi-tuzione dei Consigli di Circolo delle bambine e dei bambini, da realizzare il prossimo anno.

Oltre alla consueta attivit di cinefo-rum, questanno realizzata attraverso la visione di Jona che visse nella balena e Alla luce del sole, c stata anche la visione dello spettacolo teatrale Giovani Livigno, libera-mente ispirato al pi famoso Gabbiano Jonathan Livingston. Cinema e teatro sono da tempo consi-derati canali di conoscenza cari ai ragazzi e interessanti per gli inse-gnanti che li utilizzano per potenziare dibattiti e confronti.

Regione Campania

Legge 39/85

N. Di Maio Nonsodov e dintorni

...bisogna fidarsi dei bambini perch non sono diplomatici. I bambini sono irrazionali, per cui infallibili. I bambini sono degli splendidi pazzi

n 3 Anno Scolastico 2004/05 Giugno 2005

Il successo di questanno e i risultati realizzati sul fronte della responsabi-lit personale, ci esortano a continua-re un cammino che di anno in anno sta offrendo sempre maggiori soddi-sfazioni e spunti sempre nuovi di riflessioni. Il docente esperto Maria Capone Il docente referente Liliana Ruocco

Comune di Somma

Vesuviana

UN BUCO NERO

La guerra porta verso un mon-do dove esiste solo la distru-zione e la crudelt. La guerra come un buco

nero dove dentro tutto buio. Io far di tutto per non cadere in questo buco nero.

2

Al primo posto lAMORE Dandoci la mano, insegnando agli altri ad amarsi e a rispettarsi. Solo cos porteremo nel mondo la pace. Neri , bianchi, o rossi che siano ognuno deve mettere al primo posto lAMORE

Con un abbraccio i bambini fanno la Pace, con uno sguardo i bambini sono uniti. Con una carezza i bambini sono amici

Queste foto rappresentano i vari modi per noi bambini di vivere la pace: Cantare, Lavorare, Ballare, Pregare insieme. La pace si pu costruire

anche con un gesto sempli-cissimo: con una carezza, con un bacio, ma soprattut-to dandoci una mano.

I volti della guerra

Di fronte alle immagini della guerra, penso di vive-re in un mondo di cattive-ria, dove nessuno si ama o nessuno si aiuta. Io non vorrei vivere in questo mondo

Se non vogliamo pi la guerra non dobbiamo pi litigare, perch da una cosa piccola si forma pian pia-no la guerra.

Quante volte abbiamo visto gli altri rubare! Siamo stati zitti per non essere complici. Invece, stando zitti lo siamo stati davvero!

V Don Minzoni 3

La pace La pace una nota lenta in sottofondo la pace gioia nei cuori la pace regalare un sorriso ad ogni povero viso la pace un bambino che si unisce allaltro la pace amore per le persone che hanno cuore la pace una cosa molto bella che non procura morte ma d gioia il mondo bello con la pace e a noi bimbi cos piace.

3

Un giorno, un bambino eschi-mese di undici anni, che abitava in un igloo e pescava tra i ghiac-ciai per nutrirsi, stanco di vivere in distese di bianco, decise di in-traprendere un viaggio. Ruotando il mappamondo, a caso, il dito si ferm sullItalia e precisamente sulla citt di Napoli.

Ciro stava scappando perch aveva appena rubato delle mele ad un venditore ambulante. Roby cominci a corrergli dietro, pur non sapendo perch! Dopo una lunga corsa girarono in un vico-letto e seminarono il venditore. Roby aveva fame e Ciro gli diede met delle mele. La sera Ciro port Roby a casa sua. Roby era

entusiasta, la paura gli era passa-ta. Sentiva che sarebbe successo qualcosa di bello.

Il giorno dopo andarono in un piccolo ristorante dove un vec-chio cuoco, amico di Ciro, offr ai due la pizza: a Roby piacque da morire e strinse con Ciro una for-te amicizia.

10 anni dopo

Roby e Ciro oggi hanno 21 anni e gestiscono una pizzeria nel posto pi bello di Napoli, frequentata dalle persone pi importanti del mondo. Il locale Roby leschi-mese e Ciro il napoletano di-ventato il luogo dove si decidono le strategie di pace contro tutte le guerre del mondo.

Il raggio della pace colpir la terra e

giocondo sar il mondo. Viva la pace

arrivata nel mondo! Addio perfida guerra che oscurava la terra. Benvenuto arcobaleno dai mille colori che dai

gioia ai nostri cuori. Evviva! Evviva! Questa la pace.

Tra lAmerica e lIraq Tra la guerra e la libert.

V Don Minzoni 3 SOGNI E DESIDERI

Roby leschimese e Ciro il Napoletano

4 La pace secondo i GRANDI della terra

Martin Lute-ro

(1483-1546)

La pace pi importante di ogni giustizia; e la pace non fu fatta per amore

Cartesio 1596 1650

Chi vede come noi uomini siamo fatti

e pensa che la guerra bella o che valga pi della

pace, storpio di mente.

Madre Teresa di Calcutta

Le opere dellamore sono sempre opere di pace. Ogni volta che dividerai il tuo

amore con gli altri, ti accorgerai della pace

che giunge a te e a loro. Dove c pace c Dio, cos che Dio riversa pace e gioia nei no-

stri cuori.

La pace secondo i PICCOLI

Un mondo di pace,

Ecco la ricetta per la pace: nessuna guerra, poco rancore, tanto amore

La pace amore e

Siamo tutti uniti contro

In un unico abbraccio, la pace uni-sce i popoli

Il perdono alla base della pace

E meglio la pace perch Amore, fratellanza, felicit,

Allegria e comunione, Mentre la guerra solo uccisione.

.

Pace significa aiutare e donare

Senza chiede nulla in cambio, E tutto ci fa stare solo bene. La pace bianca e pura, la guerra solo

tortura.

Carri armati e fucili:

Che s ottiene? La guerra scura, La pace bianca.

Con la guerra c dolore, Con la pace, amore.

La guerra uccisione, la pace comunione. .

Carri armati, fucili e bombe Sono portatori di infelicit.

Ma questa guerra cosa ti d? La guerra dolore, malinconia, tristezza e

grande nostalgia. La guerra scura e mette tanta paura.

.

Mahatma Gandhi

La felicit e la pace del cuore nascono dalla co-scienza di fare ci che

riteniamo giusto e dovero-so, non dal fare ci che gli Madre Teresa Ghandi

Martin Lutero

V Don Minzoni 16

5

Pensieri e parole V Don Minzoni 16

Nel corso di questanno scolastico ab-biamo assistito a diverse rappresenta-zioni cinematografiche e teatrali riguar-danti il Progetto Legalit. A marzo siamo stati spettatori della rap-presentazione teatrale al Gloria di Po-migliano DArco di Giovanni Livigno, tratto dal libro Gabbiano Jonathan Li-vingston, di Richard Bach. Abbiamo apprezzato Roberto Anglicani, il narratore singolo, che ha dato unin-terpretazione difficile di grande qualit. A fianco riportiamo alcune citazioni molto significative, tratte da questa nar-razione, che a noi sono sembrate efficaci a rendere appieno lidea che la guerra limita la Libert di ogni individuo.

Ciascuno di noi , in verit u-

nimmagine del Grande Gabbia-no, uninfinita

idea di libert, senza limiti.

...

Scegliamo il nostro mondo successi-vo in base a ci che noi apprendiamo

in questo. Se non impari nulla, il mondo di poi

sar identico a quello di prima, con le stesse limitazioni.

...

Dora in poi vivere qui sar pi vario e interess

Recommended

View more >