via cividale

Download Via cividale

Post on 06-Mar-2016

216 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Costruiamo il piano - secondo ciclo di incontri: via cividale

TRANSCRIPT

  • INDAGINE SUI QUARTI ERI

    COMUNE DI UDINEDipartimento Territorio e AmbienteServizio Pianificazione Territoriale

    Febbraio 2010

    SAN GOTTARDO

  • VIA CIVIDALE

    Scala 1:40.000

  • VIA CIVIDALE

    Il quartiere, principalmente attestato su via Cividale, delimitato sia ad est quanto ad ovest dalla ramificazione del tratto

    ferroviario Udine-Tarviso, mentre a sud la linea di demarcazione del quartiere stata individuata in via della Polveriera.

    I vincoli relativi al superamento dellinfrastruttura ferroviaria hanno effetti non tanto in termini di nuovo sviluppo, quanto in

    termini di connessione tra parti di citt: entrambi i tratti ferroviari infatti, bloccano di fatto la permeabilit tra San Gottardo

    ed il Quartiere Aurora verso larea oggetto di studio e da questultima verso il centro storico della citt. Gli unici varchi di

    passaggio risultano quelli di via Cividale, il cavalcavia Simonetti e via del Bon.

    La zona fortemente caratterizzata dalla presenza delle due caserme militari, la Spaccamela lungo via Fruch e la

    Osoppo lungo via Brigata Re, questultima dismessa e attualmente oggetto di uno studio da parte dellamministrazione

    comunale (attuale proprietaria) di un progetto di riqualificazione dellintera area. Si tratta di un complesso architettonico

    ben conservato, con un patrimonio ambientale di grande valore e con una superficie complessiva di 11 ettari.

    Il principale asse di attraversamento del quartiere risulta essere via Cividale che, proprio per la sua localizzazione, divide in

    due parti larea oggetto di analisi e risulta, oltretutto, uno dei pi frequentati assi di penetrazione alla citt. Tale condizione

    genera un consistente traffico veicolare, in particolare nei momenti di punta in ingresso ed in uscita dalla citt al mattino e

    nel tardo pomeriggio.

    Ledificato presenta una prevalenza di fabbricati di due-tre piani alternato ad una edificazione pi densa sulle vie di pi

    vecchio impianto, il caso di via Fruch ed in parte delle vie Tagliamento ed Adige. La funzione residenziale predominante

    mentre scarsa appare la presenza di aree produttive e commerciali, questultime localizzate per lo pi lungo via Cividale.

    Per quanto attiene le attrezzature esistenti si segnala il nucleo parrocchiale della chiesa del Sacro Cuore e della

    omonima scuola dellinfanzia dotata di palestra, mensa, sala da pranzo e di uno spazio verde attrezzato con giochi da

    giardino. Nellanno 2009/2010 il numero di iscritti stato pari a 50 unit.

    Inoltre sono presenti le aree verdi di uso pubblico ubicate rispettivamente in via Tagliamento e via Sebenico, la sede della

    Croce Rossa in via Brigata Re e larea sportiva nei pressi di via Barcis.

    La popolazione presente conta circa 3.386 abitanti, con previsioni di nuovi insediamenti derivanti dalla lottizzazione

    (attualmente in fase di attuazione) di via Tagliamento e dalla lottizzazione di via Cividale (ancora da convenzionare) che

    contribuiscono rispettivamente con 84 e 440 nuovi abitanti.

    La presenza di stranieri si aggira intorno al 13 % del totale della popolazione del quartiere mentre la fascia det pi

    rappresentata risulta quella tra i 40 e 64 anni.

    Tra le criticit del quartiere emerge:

    la ferrovia, fonte di inquinamento acustico, limite fisico e ostacolo - nel caso del tratto localizzato ad est - alle

    connessioni;

    lelevato traffico presente lungo via Cividale a causa del suo utilizzo come asse si penetrazione alla citt e della

    presenza sulla via stessa delle principali attivit economiche e produttive esistenti;

    lincrocio tra via Cividale e limbocco del cavalcavia Simonetti;

    la presenza di due passaggi a livello nel tratto ferroviario ad ovest, riguardanti gli attraversamenti di via Cividale e via

    Pola.

    Le potenzialit del quartiere sono costituite dallidentit residenziale della zona e soprattutto dalla presenza della caserma

    Osoppo - attualmente dismessa - di propriet comunale e trasformabile quindi in una nuova parte di citt, dalla

    valorizzazione di alcune aree di interesse pubblico quali le aree verdi di via Tagliamento e via Sebenico e larea sportiva

    nei pressi di via Barcis.

    In questa zona esiste un asse nord-sud, coincidente inizialmente con via Gio Batta Candotti, attualmente molto dissestato,

    che potrebbe agevolmente collegare via del Bon, la zona sportiva e via Cividale, riducendo in parte il traffico locale su

    questultima. Ulteriore attenzione verr posta sulle aree inedificate a margine delledificato e del tracciato ferroviario.

  • VIA CIVIDALE - ALTEZZE EDIFICATO

    Scala 1:5.000

    da 0 a 5,99 metri

    da 6,00 a 8,99 metri

    da 9,00 a 11,99 metri

    da 12,00 a 15,99 metri

    da 16,00 a 23,99 metri

    da 24,00 a 29,99 metri

    oltre 30,00 metri

    Edificato per intervalli di altezza

  • VIA CIVIDALE - SPAZI NON EDIFICATI

    Scala 1:5.000

  • Pola

    Brioni

    Via

    Via

    Muggia

    d'A

    rmi

    Sebenic

    o

    della

    Fruch Polve

    riera

    Via

    Via

    Spalato

    Albona

    Cividale

    Rovigno

    A.

    Parenzo

    Capod

    istria

    Ferr

    ovia

    V ia

    Silv

    io Pe

    llico

    Nicoletti

    Udin

    e

    Fra

    ncesco

    ViaVi a

    Via

    Via

    Pisino

    Via

    Viad'A

    rmi

    del

    Stella

    Friuli

    Via

    Piazza

    Via

    Simonetti

    Piazza

    Abbazia

    Pola

    Zardini

    Via

    Enrico

    Via

    Via

    Carletti

    dello

    Via

    Livenza

    Via

    Via

    Valcellina

    Via

    Via

    Via

    Via

    Po

    ViaT

    agliamento

    Brigata

    E.

    ViaR

    e

    dell'Anco

    na

    Brigata

    Via

    delle

    Via

    Acque

    Re

    Via

    Batta

    Candotti

    Gio

    Cividaledel

    Via

    Via

    Adige

    Via

    Natisone

    S. D

    'Acquisto

    don

    R.

    ZoffoVia

    U.

    Zilli

    Gius

    to

    Friuli

    -

    Morosina

    Via

    Via

    Ricc

    ardo

    Via

    di

    Viale

    VIA CIVIDALE - PROPRIETA' COMUNALI

    Scala 1:5.000

    Attrezzature pubbliche di propriet comunale

    Propriet comunali di recente acquisizione, immobili non utilizzati o con usi misti, sedimi stradali

    Immobili con alloggi di propriet (gestiti da Ater e/o Comune)Pertinenze immobili ad uso residenziale di propriet comunale

    Immobili di propriet dati in concessione

    Pertinenze fabbricati di propriet dati in concessione

    Altri immobili di propriet (immobili locati, accatastamenti in corso)

  • STRATEGIE

    SISTEMA AMBIENTALESISTEMA AMBIENTALESISTEMA AMBIENTALESISTEMA AMBIENTALE

    1.1.1.1. Tutelare e valorizzare le aree agricole e naturali di pregioTutelare e valorizzare le aree agricole e naturali di pregioTutelare e valorizzare le aree agricole e naturali di pregioTutelare e valorizzare le aree agricole e naturali di pregio

    a. Tutelare la continuit degli spazi aperti ai fini ecologici e paesaggistici

    b. Tutelare e valorizzare gli elementi lineari naturali (corsi dacqua, filari, strade poderali,..) anche rendendoli fruibili con percorsi ciclo-pedonali

    c. Tutelare le visuali di pregio

    d. Rendere fruibili maggiori porzioni dei Parchi Cormor/Torre

    e. Recuperare dal punto di vista ambientale le aree compromesse o degradate

    f. Valorizzare il sistema delle attivit e delle aziende agricole

    g. Promuovere il recupero dei manufatti rurali favorendo linsediamento di funzioni integrate (fattorie didattiche, eventi culturali..)

    SISTEMA INSEDIATIVOSISTEMA INSEDIATIVOSISTEMA INSEDIATIVOSISTEMA INSEDIATIVO

    2.2.2.2. Preservare i borghi storiciPreservare i borghi storiciPreservare i borghi storiciPreservare i borghi storici

    a. Tutelare il rapporto tra spazi edificati ed aree libere

    b. Regolamentare i nuovi interventi edilizi a contatto con i borghi storici e larchitettura di matrice rurale

    3.3.3.3. RegolamentareRegolamentareRegolamentareRegolamentare gli insediamenti residenzialigli insediamenti residenzialigli insediamenti residenzialigli insediamenti residenziali

    a. Tutelare il rapporto tra spazi edificati ed aree libere

    b. Regolamentare i nuovi interventi edilizi in relazione al contesto urbano di riferimento, in termini di standard urbanistici, qualit architettonica e ambientale

    c. Disincentivare le saldature lineari tra insediamenti urbani

    d. Favorire il recupero del patrimonio edilizio esistente tutelando il tessuto edilizio consolidato

    4.4.4.4. Promuovere la multifunzionalit nel contesto residenzialePromuovere la multifunzionalit nel contesto residenzialePromuovere la multifunzionalit nel contesto residenzialePromuovere la multifunzionalit nel contesto residenziale

    5.5.5.5. Aree da riqualificareAree da riqualificareAree da riqualificareAree da riqualificare SISTEMA PRODUTTIVO E COMMESISTEMA PRODUTTIVO E COMMESISTEMA PRODUTTIVO E COMMESISTEMA PRODUTTIVO E COMMERCIALERCIALERCIALERCIALE

    6.6.6.6. Promuovere la riqualificazione degli insediamenti produttivi a contatto con aree residenziali, agricole o Promuovere la riqualificazione degli insediamenti produttivi a contatto con aree residenziali, agricole o Promuovere la riqualificazione degli insediamenti produttivi a contatto con aree residenziali, agricole o Promuovere la riqualificazione degli insediamenti produttivi a contatto con aree residenziali, agricole o naturali (dal punto di vista architettonico, ecologic

Recommended

View more >