lr 23-98 (caccia)+lr 5-11

Download LR 23-98 (caccia)+LR 5-11

Post on 12-Jul-2015

257 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Legge Regionale 29 luglio 1998, n. 23Norme per la protezione della fauna selvatica e per lesercizio della caccia in Sardegna. Il C onsiglio R e gionale ha approvato Il P re side nte de lla Giunta R e giona le prom ulga la se gue nte le gge : TITO LO I ( Principi fondamentali) C AP O I ( Disposizioni generali) Art.1 Finalit 1. La R e gione Autonom a de lla Sarde gna tute la la fa una se lva tica se condo m e todi di ra zionale program m a zione de l te rritorio e di uso de lle risorse na turali e disciplina il pre lie vo ve na torio ne l rispe tto de lle quilibrio a m bie nta le , avvale ndosi de lla com pe te nza prim aria di cui a llarticolo 3 de l proprio Statuto spe cia le , approva to con le gge costituzionale 26 fe bbra io 1948, n. 3. Art.2 Attuazione de lla norm ativa na zionale e com unitaria 1. Gli atti com unitari sulla tute la de lla fauna se lvatica , e d in pa rticolare le Dire ttive 79/409/C EE de l C onsiglio de l 2 a prile 1979, 85/411/C EE de lla C om m issione de l 25 luglio 1985, 91/244/C EE de lla C om m issione de l 6 m arzo 1991 e 92/43/C EE de l C onsiglio de l 21 m a ggio 1992, con i re lativi alle ga ti, conce rne nti la conse rvazione de lla fa una se lva tica e de gli ha bitat na turali e se m ina tura li, sono re ce pite e d a ttuate ne lla R e gione Sa rde gna, ne i m odi e ne i te rm ini pre visti da lla pre se nte le gge , ai se nsi de ll'a rticolo 9 de lla Le gge 9 m a rzo 1989, n. 86. 2. La pre se nte le gge costituisce , a ltre s, a ttuazione de lle C onve nzioni inte rnaziona li sulla tute la de lla fauna se lva tica, e d in particola re de lla Conve nzione di Pa rigi de l 18 ottobre 1950, re sa e se cutiva con la Le gge 24 nove m bre 1978, n. 812, de lla C onve nzione di R am sa r de l 2 fe bbraio 1971, re sa e se cutiva con il D.P.R . 13 m a rzo 1976, n. 448 e de lla C onve nzione di Be rna de l 19 se tte m bre 1979, re sa e se cutiva con la Le gge 5 a go sto 1981, n. 503. C AP O II ( Tutela della fauna selvatica e degli ambienti) Art.3 Tute la de lla fauna se lvatica 1. La fauna se lva tica costituisce be ne a m bie nta le de lla R e gione e d tute lata , insie m e a l suo habita t naturale , ne ll'inte re sse ge ne ra le de lla com unit re gionale , naziona le e d inte rna zionale . 2. La tute la de lla fauna se lvatica finalizzata a l m ante nim e nto de lla biodive rsit, com pa tibilm e nte con le e sige nze e conom iche , socia li, culturali, pe culia ri de lla R e gione e contribuisce , attrave rso inte rve nti di ge stione e va lorizzazione de lla fa una ste ssa , all'obie ttivo ge ne ra le di uno sviluppo dure vole . 3. L'e se rcizio de ll'attivit ve na toria de ve e sse re pre ordinato a d una utilizza zione soste nibile de lle spe cie di ucce lli e di m am m ife ri ogge tto di pre lie vo ve natorio e d conse ntito purch non contrasti con la conse rvazione de lla fa una se lvatica e non arre chi da nno e ffe ttivo alle produzioni agro - fore sta li. Art.4 O a si pe rm a ne nti di prote zione - Attua zione de lle dire ttive CEE 1. In attua zione de lle Dire ttive C EE e de lle C onve nzioni inte rna zionali di cui al pre ce de nte articolo 2, la R e gione istituisce oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura , fina lizza te al m ante nim e nto e d alla siste m a zione de gli ha bitat ricom pre si a nche ne lle zone di m igra zione de ll'avifauna, e proce de alla re alizzazione de gli inte rve nti di ripristino de i biotopi distrutti o alla cre azione di nuovi biotopi. 2. Tutte le isole di pe rtine nza de lla Re gione a utonom a de lla Sarde gna , a d e cce zione di La Maddale na , Ca pre ra, Sa n Pie tro e Sant'Antioco, sono dichia ra te oa si pe rm a ne nti di prote zione fa unistica e di cattura . 3. Gli inte rve nti e le ope re pre visti e da re alizza re ne ll'am bito de lla pia nifica zione urbanistico-te rritoria le e di sviluppo e conom ico, com pre se le ope re infra strutturali a re te , de vono te ne re conto de lle e sige nze conne sse a lla conse rva zione de lle zone istituite in oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura e di que lle individua te com e zone a

prote zione spe ciale (ZP S) in a ttuazione de lla dire ttiva 92/43 C EE. Gli ste ssi inte rve nti de vono e sse re sottoposti a pre ve ntiva valutazione de lla loro com pa tibilit con le finalit di cui al pre ce de nte com m a 1. Art.5 Spe cie tute late 1. Fa nno parte de lla fa una se lvatica, ogge tto di tute la de lla pre se nte le gge , i m am m ife ri, gli ucce lli, i re ttili e gli a nfibi de i qua li e sistono popolazioni vive nti, sta bilm e nte o te m porane a m e nte , in sta to di na tura le libe rt ne l te rritorio re giona le e ne lle a cque te rritoriali ad e sso prospicie nti. 2. La R e gione , in arm onia con le Dire ttive com unitarie e con le C onve nzioni inte rnazionali di cui a ll'articolo 2, pe rse gue lo scopo di a ssicurare la conse rvazione de lla fa una se lvatica e de l suo ha bitat, con particola re rigua rdo a lle spe cie m ina ccia te , vulne ra bili e rare , nonch a lle spe cie e sottospe cie e nde m iche . 3. E' vie tato ogni a tto dire tto, o indire tto, che de te rm ini l'uccisione e la ca ttura o il disturbo di tutte le spe cie di fauna se lvatica particola rm e nte prote tta, anche sotto il profilo sa nzionatorio, di cui a ll'alle ga to e le nco, che fa parte inte gra nte de lla pre se nte le gge . 4. Durante il pe riodo di nidifica zione de ll'avifauna vie tata qua lsiasi form a di disturbo alla m e de sim a . 5. Non conside rato disturbo l'adde stra m e nto de i cani ne i te m pi e luoghi conse ntiti da lla pre se nte le gge . 6. Le norm e de lla pre se nte le gge non si applicano ai Muridae (ra tti e topi), alla Nutria (Myocastor coypus) e alle arvicole . Art.6 C attura e abbattim ento autorizza ti 1. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , avvale ndosi de ll'Istituto re gionale pe r la fa una se lvatica di cui all'articolo 9 e se ntito il pa re re de l C om ita to re giona le faunistico di cui all'a rticolo 10, ha la facolt di: a) autorizzare in qua lsiasi pe riodo de ll'anno, pe r fini di studio e di rice rca scie ntifica , zoologi e rice rca tori unive rsitari o di altri istituti scie ntifici, a catturare e se m plari appa rte ne nti a lle spe cie incluse ne ll'e le nco di cui a l com m a 3 de ll'a rticolo 5, alle condizioni sta bilite da lla re la tiva a utorizza zione ; b) accordare in ogni te m po agli ste ssi sogge tti di cui a lla le tte ra a), sulla base di pre cise m oda lit , pe rm e ssi a ca ttura re piccoli na ti o pre nde re uova o nidi; c) autorizza re osse rva tori ornitologici, istituti di rice rca e singoli rice rca tori, che si occupino de llo studio de lle m igrazioni, ad e ffe ttua re in qualsia si pe riodo de ll'a nno la cattura te m porane a di ucce lli, anche di spe cie proibite a condizioni da stabilirsi volta pe r volta con la ste ssa a utorizzazione ; d) conse ntire la ca ttura di fauna se lva tica ne lle oa si pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura e ne lle zone te m porane e di ripopola m e nto e di cattura in caso di pa rticolari ne ce ssit te cniche di studio o di ripopolam e nto di altri loca lit . La fauna catturata pe r il ripopolam e nto de ve e sse re subito libe rata ne lle loca lit da ripopolare ; e ) adottare , in arm onia con i pare ri de ll'Istituto naziona le pe r la fa una se lva tica, idone i piani di inte rve nto pe r il controllo de lle popola zioni di fauna se lva tica, a nche ne lle zone vie tate a lla ca ccia pe r assicurare la m igliore ge stione de l pa trim onio zoote cnico, pe r m otivi sa nitari, pe r la tute la de l pa trim onio storico artistico, pe r la tute la de lle produzioni zoo - a gro - fore stali e d ittiche . Il controllo pratica to se le ttivam e nte m e diante l'utilizzo di m e todi e cologici; f) pre disporre pia ni di abbattim e nto, qua lora sia ve rificata l'ine fficacia de i pre de tti m e todi, la cui a ttua zione de ve e sse re affidata a l pe rsonale de l C orpo fore sta le e di vigilanza am bie ntale che potr a ltre s avva le rsi de i proprie ta ri o conduttori de i fondi sui qua li si attua no i piani m e de sim i purch m uniti di lice nza e de ll'a utorizza zione pe r l'e se rcizio ve natorio. 2. La ttivit di cattura te m pora ne a pe r linane lla m e nto de gli ucce lli a scopo scie ntifico organizzata e coordina ta da llIstituto naziona le pe r la fa una se lva tica di inte sa con lIstituto re giona le pe r la fauna se lva tica . Tale a ttivit svolta se condo lo sche m a na zionale di ina ne llam e nto pre visto da llUnione Europe a pe r linane lla m e nto (Euring). 3. La ttivit di ina ne llam e nto pu e sse re svolta e sclusivam e nte da titolari di spe cifica autorizza zione , rila sciata da llAsse ssore de lla dife sa de llam bie nte , su pare re de llIstituto naziona le pe r la fauna se lva tica e subordina ta alla pa rte cipa zione a spe cifici corsi di istruzione orga nizza ti dallo ste sso Istituto e a l supe ra m e nto de l re lativo e sam e finale . 4. E' fa tto obbligo a chiunque abbatte , cattura o rinvie ne ucce lli inane lla ti di darne notizia a ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , il quale provve de a d inform a re l'Istituto naziona le de lla fauna se lva tica. 5. Entro il 31 m arzo di ogni a nno lIstituto re giona le pe r la fa una se lva tica pre dispone una re la zione sulle sta tistiche conce rne nti gli a bbattim e nti de ll'a vifa una m igra toria che sar invia ta, tram ite il Ministe ro com pe te nte , alla C om m issione de lla C om unit Europe a , a i se nsi de ll'articolo 9 de lla Dire ttiva C EE 79/409. C AP O III ( Organi preposti al governo della fauna selvatica e all'esercizio venatorio) Art.7 O rgani di tute la 1. Alla tute la , alla conse rvazione , a l m igliora m e nto sia de lle com unit anim a li sia de gli am bie nti, e alla ge stione de ll'e se rcizio ve na torio provve dono, se condo le com pe te nze loro a ttribuite da lla pre se