linee guida

Download LINEE GUIDA

Post on 21-Jan-2016

35 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

INTESE VERTICALI NEL MERCATO DELLO ZOLFO Diritto industriale e della concorrenza 2008 Francesco Cozzio. LINEE GUIDA. Art. 2 legge 287/90 Intese restrittive della libertà di concorrenza - PowerPoint PPT Presentation

TRANSCRIPT

  • INTESE VERTICALI NEL MERCATO DELLO ZOLFO

    Diritto industriale e della concorrenza 2008 Francesco Cozzio

  • LINEE GUIDAArt. 2 legge 287/90Intese restrittive della libert di concorrenza1. Sono considerati intese gli accordi e/o le pratiche concordate tra imprese nonch le deliberazioni, anche se adottate ai sensi di disposizioni statutarie o regolamentari, di consorzi, associazioni di imprese ed altri organismi similari.2. Sono vietate le intese tra imprese che abbiano per oggetto o per effetto di impedire, restringere o falsare in maniera consistente il gioco della concorrenza all'interno del mercato nazionale o in una sua parte rilevante, anche attraverso attivit consistenti nel:

  • a) fissare direttamente o indirettamente i prezzi d'acquisto o di vendita ovvero altre condizioni contrattuali;

    b) impedire o limitare la produzione, gli sbocchi o gli accessi al mercato, gli investimenti, lo sviluppo tecnico o il progresso tecnologico;

    c) ripartire i mercati o le fonti di approvvigionamento;

    d) applicare, nei rapporti commerciali con altri contraenti, condizioni oggettivamente diverse per prestazioni quivalenti, cos da determinare per essi ingiustificati svantaggi nella concorrenza;

    e) subordinare la conclusione di contratti all'accettazione da parte degli altri contraenti di prestazioni supplementari che, per loro natura o secondo gli usi commerciali, non abbiano alcun rapporto con l'oggetto dei contratti stessi.

  • LE INTESEPOSSONO ESSERE VERTICALI E ORIZZONTALI

    sono orizzontali quando sono messe in atto dai partecipanti ad uno stesso mercato

    sono verticali quando riguardano stadi successivi della produzione e vendita di un prodotto: un tipico esempio rappresentato dagli accordi di distribuzione

  • INTESE VERTICALIEFFETTI PROCOMPETITIVI

    Economie di scalaEconomie di scopoConquista di nuovi mercatiRiduzione del free riding

  • EFFETTI ANTICOMPETITIVI

    Riduzione concorrenza intrabrandRiduzione concorrenza interbrandCompartimentazione dei mercatiIncremento della propensione alla collusione

  • LO ZOLFOUnimportante materia prima per la produzione di numerosi prodotti chimici

    La domanda italiana localizzata prevalentemente nellItalia settentrionale

    Lo zolfo prodotto a livello nazionale deriva, come scarto, dalla raffinazione del petrolio

    Necessario per la produzione di: acido solforico, batterie, detergenti, polvere pirica, gomma e plastica, fertilizzanti, carta, ecc

  • Provvedimento n. 6499 ( I298 ) MERCATO DELLO ZOLFO GREZZO1. Le Parti principali2. La denuncia 3. L'attivit istruttoria 4. Le risultanze istruttorie4.1 I rapporti tra le raffinerie e il gruppo Esseco 4.2 Il meccanismo di determinazione dei prezzi nei contratti 4.3 Rifiuto di alcune raffinerie a fornire direttamente le imprese clienti 4.4 Limitazioni delle fonti di approvvigionamento per i clienti 4.5 I rapporti fra ESSECO-ZOLFITAL e le imprese clienti 5. Le intese intercorrenti fra ZOLFITAL/ESSECO e le raffinerie 5.1 Effetto restrittivo del fascio di intese di fornitura in esclusiva e rilevanza di ciascuna intesa 5.2 Inapplicabilit del regolamento di esenzione 1983/83 5.3 L'intesa AGIP/ZOLFITAL 5.4Gli effetti complessivi delle intese sopradescritte 6. Proposte delle parti e delibera

  • 1. Le Parti principali1. EUROZOLFI Srl una societ attiva nel settore della trasformazione di zolfo grezzo per usi agricoli e nella produzione di prodotti chimici inorganici derivati in prevalenza dallo zolfo. 2. ZOLFITAL Spa una societ la cui principale attivit consiste nell'acquisto e nella distribuzione di materie prime e prodotti intermedi e svolge attivit di commissionaria per l'approvvigionamento di zolfo grezzo a imprese che utilizzano zolfo. 3. ESSECO Spa una societ la cui principale attivit consiste nella produzione di prodotti derivati dallo zolfo destinati in prevalenza all'esportazione. ESSECO inoltre opera nel mercato della commercializzazione dello zolfo grezzo. Le societ ZOLFITAL ed ESSECO sono controllate dalla famiglia Nulli, la quale controlla la societ Borgal Srl (di seguito anche Gruppo ESSECO), anch'essa operante nel settore della distribuzione dello zolfo grezzo, nonch la societ Agrindustria, che opera nella trasformazione dello zolfo. 4. AGIP PETROLI Spa una societ controllata al 100% da ENI Spa, che svolge attivit di raffinazione, trattamento industriale del petrolio greggio e suoi derivati, di commercializzazione dei prodotti petroliferi. 5. ERG PETROLI Spa una societ del gruppo ERG Spa, attiva nella commercializzazione all'ingrosso e al dettaglio di prodotti petroliferi e nella produzione di lubrificanti per conto terzi. 6. ESSO ITALIANA Spa una societ controllata per il 90% da Exxon Corporation N.J. e per la restante parte da Exxon Overseas Corporation, attiva nella produzione e commercializzazione di prodotti petroliferi e per l'industria chimica. ESSO ITALIANA controlla totalitariamente Exxon Chemical Mediterranea Srl e detiene il 75% del capitale di Sarpom Spa, societ che operano sul mercato dello zolfo.

  • 2. La denuncia19 dicembre 1996: segnalazione da parte della societ Eurozolfi

    Presunti comportamenti restrittivi della concorrenza esercitati da una serie di imprese produttrici di zolfo grezzo, segnatamente le societ AGIP, ESSO, ERG e le due principali societ distributrici di zolfo, ESSECO e ZOLFITAL

    In virt di tali rapporti, i produttori di zolfo si sarebbero ripetutamente rifiutati di fornire direttamente gli utilizzatori finali, senza l'intermediazione di ZOLFITAL, lasciando ad essi come unica fonte alternativa di approvvigionamento l'importazione del prodotto dall'estero

  • 3. L'attivit istruttoria16 ottobre 1997

    L'Autorit ha avviato un procedimento istruttorio, ai sensi dell'articolo 14 della legge n. 287/90, nei confronti delle societ ZOLFITAL, ESSECO, AGIP, ERG, ESSO, per presunta infrazione dell'articolo 2 della legge n. 287/90

    OGGETTO ED EFFETTO: impedire la possibilit di scelta delle fonti di approvvigionamento degli utilizzatori finali e, in ultima analisi, di limitare la concorrenza di prezzo nel mercato nazionale dello zolfo grezzo

  • 4. Le risultanze istruttorie

    Zolfital ed Esseco, che essendo soggette al medesimo controllo costituivano ununica impresa ai sensi della normativa sulla concorrenza, operavano come commissionarie allacquisto di zolfo per gran parte delle imprese consumatrici italiane e ritiravano zolfo dalla totalit delle raffinerie italiane. Dalle risultanze istruttorie emerso che queste ultime generalmente attribuivano al gruppo Zolfital/Esseco unesclusiva di fatto per la distribuzione di zolfo in Italia

  • 4.1 I rapporti tra le raffinerie e il gruppo EssecoESSECO-ZOLFITAL hanno rapporti con ciascuna raffineria presente in Italia (in particolare ESSO, ERG, AGIP)

    OBBLIGHI DI FORNITURA: si prevede l'obbligo del venditore a vendere e l'obbligo del compratore a comprare

    FORNITURA IN ESCLUSIVA: risulta l'esistenza di un reciproco impegno delle raffinerie a vendere, e di ESSECO/ZOLFITAL a ritirare tutti i quantitativi prodotti in tali stabilimenti

  • 4.2 Il meccanismo di determinazione dei prezzi nei contrattiNon viene fissato direttamente, come prezzo franco-fabbrica determinato a partire dai costi di produzione/estrazione, ma, al contrario, viene calcolato prendendo a riferimento il prezzo CIF (Cost, Insurance, Freigth), ovvero il prezzo franco-destino dello zolfo in qualunque porto del Mediterraneo, come determinato da alcuni bollettini internazionali

    Ne consegue che il prezzo di cessione tra raffinerie e distributore non determinato in via autonoma dai contraenti ma viene individuato sulla base del prezzo delle importazioni, che rappresenta per i consumatori finali il prezzo massimo che questi possono sopportare in ragione degli alti costi di trasporto dello zolfo proveniente da altri paesi

  • 4.3 Rifiuto di alcune raffinerie a fornire direttamente le imprese clientiDagli elementi documentali risulta che AGIP, ESSO ed ERG hanno rifiutato di fornire zolfo alla societ Eurozolfi negli ultimi anni, mentre precedentemente fornivano direttamente tale impresa

  • 4.4 Limitazioni delle fonti di approvvigionamento per i clientiDall'analisi che precede emerge che ESSECO/ZOLFITAL, in virt dei rapporti in essere con le raffinerie italiane, nonch in virt dei mandati all'acquisto delle imprese consumatrici di zolfo, si configura come l'unica fonte di approvvigionamento su scala nazionale

    Grazie alla collaborazione in essere tra ESSECO, ZOLFITAL e AGIP, si pu affermare che la quantit di zolfo complessivamente intermediata da ESSECO/ZOLFITAL equivale a circa il 70% del mercato

  • 4.5 I rapporti fra ESSECO-ZOLFITAL e le imprese clienti

    Ne deriva che il prezzo di mercato che ZOLFITAL/ESSECO determinano a livello nazionale per le imprese clienti il massimo prezzo possibile in tale mercato, pari a quello del prodotto importato, e non rappresenta il minimo prezzo praticabile da ZOLFITAL ed ESSECO ai loro clienti finali

    Ne deriva pure che le fonti di approvvigionamento rimangono limitate

  • 5. Le intese intercorrenti fra ZOLFITAL/ESSECO e le raffinerieLe risultanze istruttorie sopra descritte evidenziano l'esistenza di una serie di rapporti di fornitura di zolfo grezzo fra tutte le raffinerie presenti in Italia

    Dall'analisi dei ritiri effettivi, dai contratti stipulati nonch dai documenti ispettivi raccolti emerge che tutte le raffinerie hanno conferito un'esclusiva a ZOLFITAL-ESSECO per la distribuzione in Italia dello zolfo da esse prodotto

  • 5.1 Effetto restrittivo del fascio di intese di fornitura in esclusiva e rilevanza di ciascuna intesa

    Ciascuno dei rapporti di fornitura descritti ai paragrafi precedenti integra un'intesa f

Recommended

View more >