eccomi qua, mi presento, mi chiamo e apparecchio, ore 21 ... ?· eccomi qua, mi presento, mi...

Download Eccomi qua, mi presento, mi chiamo e apparecchio, ore 21 ... ?· Eccomi qua, mi presento, mi chiamo…

Post on 16-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Eccomi qua, mi presento, mi chiamo Melania. Mi ritengo diciamo molto sicura di me stessa, convinta che ogni cosa che faccio sia corretta, ma non sempre cos, purtroppo! Come sono chiamata? Beh, mi chia-mano sia piccolo mostriciattolo, sia sagoma certe volte non mi ri-conosco neanche io dal quanto Mela-nia sia io!

Che dire, anche se sono la pi bassa della classe, o la pi piccola della famiglia state tranquilli, mi faccio sentire.

Se dovessi descrivermi comincerei dai piedi, perch, se non faccio la mia verticale sui gomiti subito dopo essere tornata da scuola, non so, potrei esplodere, la posizione gambe allaria mi d la calma, la rilassatez-za e la grinta di proseguire la gior-nata, e cos ho smesso di chiedermi: - Perch, ma perch devo vedere le

cose come le vedono tutti! - Sono fatta cos particolarmente a modo mio.

Sono piccola e minuta, ma in com-penso sul mio viso paffutello leviga-to e se non ci fosse la mamma poco unto dalla crema per viso, apparen-temente dolce ma in realt maligno, sta appollaiata una chioma folta e riccioluta, un cespuglio abbastanza pettinato, color marroncino con sfumature bionde. (io odio quado mi toccano i capelli, e quindi pensate a tutte le scene la mattina quando la mamma tenta di farmi una treccia vinco io.)

Dalla stranezza che mi porto dietro faccio quasi paura: la sera il mo-mento pi tragico perch se non rispetto lordine severo che mi stato impostato dalla sottoscritta sono guai, ore 21:12 minuti pip, denti dopo la camomilla zuccherata

e apparecchio, ore 21:15 preghie-re nanna e infine se entro le 21: 22 massimo non mi addormento non dormo pi! Di solito la camo-milla aiuta se non cos conto le pecore! Non sempre cos sem-plice.

Da piccola mi piaceva misurare la pressione e fare le punture con la siringa di plastica alla nonna; con il mio camice, la valigetta rosa regalatami al compleanno, con lo stetoscopio al collo sembravo pro-prio una dottoressa. Ancora oggi il mio grande sogno di diventare una dottoressa per gli anziani, soprattutto per mia nonna. QUESTA SONO IO!!!

Mi chiamo Elisa , mi ritengo una persona simpatica, burlona e gentile. Ho degli occhi azzurri, astuti come una volpe che cer-ca qualcosa, ma soprattutto grandi. Il mio volto in generale espressivo, dolce e liscio. Il mio abbigliamento quasi sempre sportivo, indosso volentieri anche una gonna ma non sopporto i pantaloni a zampa di elefante. Di me dicono che sono una tipetta furba, pasticciona e che cerca sempre dei guai. I miei genitori dicono di me una bambina semplice, divertente e anche brava a scuola, mi piace molto che lo dicono, ma quando lo dicono a qualcuno io divento rossa dalla vergogna e faccio un sorrisetto piccolo e dolce. Certe volte mi annoiano molto le mie sorelle dicendomi di: accendere la luce, giocare con loro quando devo fare i compiti ( anche se lo farei molto volentieri) , quando mi devo svegliare perch hanno paura ; per per queste cose mi posso lamentare poco perch alle mie sorelle voglio anche tanto bene perch non che mi danno cos tanto fastidio. Per c una cosa che odio ancora di pi ed la sveglia che ogni mattina,dal luned al venerd, continua a suo-nare facendo PI PI PI PIPIPI, che rumore fastidioso. Cambiamo discorso perch mi ha proprio annoiata. Io ho due amiche del cuore, con loro invento, mi di-verto, siamo proprio un bel trio. Sono molto fortuna-ta ad avere delle amiche cos, che mi vogliono bene ma io il doppio. Mi capita spesso per che mi arrabbio e da l viene fuori un litigio che basta la met. A casa mi chiudo dentro in camera mia o dei miei genitori. Io ho un sogno che vorrei si avverasse ma purtroppo non si ancora avverato, il mio desiderio sarebbe di avere un bellissimo cavallo da cavalcare io da sola in santa pace. Mi immagino gi tutto quello che farei con un cavallo. Spero che questo desiderio si avveri in fretta altri-menti me lo prendo io da sola un bel cavallo. ELISA

Il mio nome Giorgia e sono una bambina simpa-tica. Tutti dicono che sono alta ma a me non piace essere alta, preferirei essere pi bassa. Ritengo di essere una bimba spiritosa e a volte anche troppo. Il mio viso liscio e ho le guance paffutelle. Gli occhi sono furbi come dice mia nonna; ho gli occhi abbastanza piccolini ma non si nota molto perch porto gli occhiali. Sono abbastanza agile e magra, per mia mamma dice che sono fragile, ma io mi sento forte e tenace. Dovete sapere che io ho un piccolo problema, a volte mi gira la testa ma quando mi passa sono forte come non mai. La parte che mi piace tanto di me stessa che non riesco a dire di no sento rimorsi verso quella persona. A volte, quando mi arrabbio, prendo il cellulare di mia sorella e mi chiudo in camera mia ad ascoltare musica a tutto volume cos mi passa. Uno dei miei interessi la PALLAVOLO e sono anche piuttosto brava. La scuola elementare mi piace abbastanza ma non vedo l'ora di andare in Australia ad impara-re l'inglese e andare a Londra da mia cugina. Spero che il mio testo vi sia piaciuto. stato molto bello scrivere per voi. GIORGIA

TUTTI IN SCENA Gioved 27 aprile siamo andati in visita alla scuola media di Fondo. Di pomeriggio si fanno i gruppi facoltati-vi, li abbiamo visitati. Oggi noi vi parleremo del laboratorio TUTTI IN SCENA, che si trova in au-ditorium. Ci sono tre professori, in questo labora-torio si prende una canzone e si modifica, loro hanno scelto ANDIAMO A CO-MANDARE e trasformato in ANDIAMO AD INDAGARE. Nel laboratorio tutti in scena si colla-bora e si inventa un MUSICAL. Questo gruppo collabora con il laborato-rio di INFORMATICA. Hanno un applicazione sul computer dove disegnano e scrivono in 3D. Il maestro faceva vedere come tracciare le linee. I disegni vengono colorati al laboratorio tutti in scena. Per il musical si pu scegliere tra: RECI-TARE, CANTARE E BALLARE, molte co-se, come cantare, si possono fare insieme, chi sceglie di can-tare, canta la strofa da solo, oppure tutti insieme. Hanno cominciato all'inizio del secondo quadrimestre, ci met-tono parecchio scelgono loro cosa fare nel musical!

un bel laboratorio!!!! :-) Loredana Martina G. Marua Martina P. Brandon Evelyn

Mi chiamo Loredana, ho 10 anni, ritengo di essere amichevole, gentile, simpatica e a volte anche un po' piccolina. Mamma dice che sono carina, agile e alta come un lam-pione, ma non so se sono troppo alta. La mia faccia ridente, magra, fresca, luminosa. Le mie guance sono fiorite, fresche soprattutto la mattina e a volte anche un po' rosate. In famiglia dicono che sono nata con due bei occhi neri, scuri, ridenti, dolci e a volte molto furbi. Io odio portare gli occhiali, ma devo, sono miope! Tanti dicono che ho dei bellissimi capelli lisci ma a volte mossi, raccolti, neri, tantissimi e spessi. Io ho il naso piccolino, infatti dicono che ho un nasino e anche le mie orecchie sono piccole. Ho la carnagione scura, liscia, delicata, tanti dicono che vengo dall'Africa: una volta al mare era passato un nero, ma nero e ha voluto fare una foto una con me perch mi chiamava AFRICANA BIANCA, io mi sono divertita un sacco con lui. Una volta in mensa c'era una nuova cameriera e mi dava il tonno al posto della carne di maiale. Nonno dice che sono una ragazzina, bella e che sa ri-solvere ogni problema. Mi arrabbio molto quando una persona (e soprattutto

mia sorella) mi salta addosso mentre faccio i compiti, mi riscaldo per niente. Ma sono fatta cos! Suono la chitarra da dei mesi, suonare mi sfoga, mi diverte, mi sento libera anche andare in bi-cicletta mi scioglie tutte le cattiverie che ho. Pap dice che sono diventata delicata, soprat-tutto in questo periodo, non mi va bene niente. Lui dice che sono anche tecnologica perch lui in questo campo, non ne sa fare, gli devo stampare le carte del lavoro, sull'agricoltura ecc Io sono agile, veloce e sportiva. A volte mamma mi d di quelle sgridate che io vado in camera mia e mi chiudo dentro. Il mio abbigliamento moderno e a volte anche sportivo. Qualche volta assomi-glio a un bambino picco-lo, perch mi metto a giocare con i giochi dei bimbi piccoli. IL MIO SOGNO NEL CASSETTO DI DIVEN-TARE MAESTRA!!! SO-NO FATTA COS !!! Loredana

Nel laboratorio di YOUTUBE Siamo entrati nell'aula di musica. La professoressa ci ha spiegato che avremmo guardato l'inizio di LA LA LAND, un musical che ha ricevuto molti oscar. Il musical ambientato vicino a Los Angeles e per fare la prima scena hanno dovuto bloccare il traf-fica dell'autostrada, perch i ballerini danzavano sulle auto. Una ragazza ci ha spiegato che da un po' di tempo, loro, stavano guardando il film, GREASE ambienta-to negli anni 60 , che racconta di un gruppo di li-ceali che fanno la loro vita diversa dalle altre: co-me gare clandestine di auto ecc. Nella sala ci sono alcune chitarre, un pianoforte e altri strumenti musicali. Che bello questo laboratorio, si impara come usare youtube, ci piaciuto un sacco!

CATERINA & LISA

Ancora dalla Scuola Media...

GIOCHI DI RUOLO

E RIFLESSIONI maggio 2017

Abbiamo fatto molto altro! Come le gite! Oohhhh ci sono state di quelle gite che impossibile dimentica-re!!! Come quando siamo andati all' EXPO MILANO 2015 o quando siamo andati a Trento per visitare la citt romana! Ma credetemi: abbiamo vissuto esperienze indimenticabili come la settimana che abbiamo trascorso in Au-stria a Stams oppure la fantastica vacanza a Cesenatico con altri bambini!!! A volte litighiamo tra compagni ma poi riusciamo sempre a fare la pace Elena

Mi ricordo di quando ero una piccola Giorgina e volevo stare con la mia mamma, ma la mamma mi ha fatto coraggio e sono andata a sedermi in un banco in mezzo alla classe. Le mamme se ne sono andate, ma non stato cos male con le maestre Giorgia

Ogni anno la classe si riempiva di cartelloni, disegni, scritte, lettere, povera class

Recommended

View more >