controlled foreign companies cfc - file/cfc.pdf · 5 esempio di cfc black listesempio di cfc black

Download Controlled Foreign Companies CFC - FILE/CFC.pdf · 5 ESEMPIO di CFC Black ListESEMPIO di CFC Black

Post on 28-Jan-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

1

Controlled Foreign CompaniesControlled Foreign Companies

CFCCFC

2

INDICEINDICE

Scopo della disciplina CFC

- IMPRESE ESTERE CONTROLLATE (ART. 167)

Presupposti soggettivi

Presupposti oggettiviControllo diretto, indiretto congiunto

La white list

La black list

Le circostanze esimentiLa prima e la seconda esimente

Linterpello

La tassazione del reddito delle CFC

3

INDICEINDICE

Gli obblighi documentali

Ulteriori aspetti

4

SCOPO DELLA DISCIPLINA CFCSCOPO DELLA DISCIPLINA CFCSCOPO DELLA DISCIPLINA CFC

Le imprese residenti, che nellambito della loro articolazione internazionale ricorrono alla localizzazione di entit controllate o collegate in territori a fiscalit privilegiata per fini non effettivamente connessi alla loro attivit produttiva, vengono tassate in Italia sullutile mondiale indipendentemente dalla distribuzione degli utili.

Viene anticipato il momento impositivo similmente a quanto avviene nel caso di creazione di stabili organizzazioni allestero

5

ESEMPIO di CFC Black ListESEMPIO di CFC Black ListESEMPIO di CFC Black List

Alfa SpAAlfa SpA

CFCMalaysia

CFCMalaysia

1) Rideterminazione del reddito della CFC secondo le norme Italiane del reddito dimpresa incluse nel TUIR

1) Rideterminazione del reddito della CFC secondo le norme Italiane del reddito dimpresa incluse nel TUIR

2) Imputazione del reddito in capo a Alfa SpA in proporzione alla quota di partecipazione

2) Imputazione del reddito in capo a Alfa SpA in proporzione alla quota di partecipazione

3) Tassazione separata del reddito in capo a Alfa SpA3) Tassazione separata del reddito in capo a Alfa SpA

4) Riconoscimento ai fini fiscali italiani dellimposta pagata dalla CFC a titolo definitivo in Malaysia

4) Riconoscimento ai fini fiscali italiani dellimposta pagata dalla CFC a titolo definitivo in Malaysia

5) Irrilevanza dei dividendi distribuiti dalla CFC nei limiti del reddito tassato in Italia

5) Irrilevanza dei dividendi distribuiti dalla CFC nei limiti del reddito tassato in Italia

6) Deducibilit dei costi sostenuti con la CFC6) Deducibilit dei costi sostenuti con la CFC

6

ESEMPIO di CFC Black ListESEMPIO di CFC Black ListESEMPIO di CFC Black List

Risultato ante imposte di Ma.Co.: 80 Risultato ante imposte di Ma.Co.: 80

Reddito imponibile di Ma.Co. in Malaysia: 100Reddito imponibile di Ma.Co. in Malaysia: 100

Imposta in Malaysia 20: 20% di 100 (reddito imponibile)

Imposta in Malaysia 20: 20% di 100 (reddito imponibile)

Reddito imponibile in Italia di Ma.Co.: 200Reddito imponibile in Italia di Ma.Co.: 200

IReS in Italia 54: 27% di 200 IReS in Italia 54: 27% di 200

IReS effettivamente pagata 24: 54 -20 (imposta in Ma.)

IReS effettivamente pagata 24: 54 -20 (imposta in Ma.)

Alfa SpAAlfa SpA

CFCMalaysia

CFCMalaysia

Dividendo della Ma.CO di 60 (80 r.a. 20 imp. in Ma.): esente perch gi tassato come utile imputato per trasparenza

Dividendo della Ma.CO di 60 (80 r.a. 20 imp. in Ma.): esente perch gi tassato come utile imputato per trasparenza

7

Esempio di CFC white listEsempio di CFC white listEsempio di CFC white list

Alfa SpAAlfa SpA

Algerian Co. (non black listed)

Algerian Co. (non black listed)

Risultato ante imposte di Alg.Co.: - 100 Risultato ante imposte di Alg.Co.: - 100

Reddito imponibile di Alg.Co. in Algeria: 10Reddito imponibile di Alg.Co. in Algeria: 10

Imposta in Algeria 2: 20% di 10 (reddito imponibile) Imposta in Algeria 2: 20% di 10 (reddito imponibile)

Reddito imponibile in Italia di Alg.Co.: 100Reddito imponibile in Italia di Alg.Co.: 100

IReS in Italia 27: 27% di 100 IReS in Italia 27: 27% di 100

IReS effettivamente pagata 25: 27-2 (imposta algerina)

IReS effettivamente pagata 25: 27-2 (imposta algerina)

Proventi da passive income > 50% Proventi da passive income > 50%

Imposte estere < 50% dellimposta italianaImposte estere < 50% dellimposta italiana

8

PRESUPPOSTI SOGGETTIVIPRESUPPOSTI SOGGETTIVIPRESUPPOSTI SOGGETTIVI

Articolo 167 TUIR:

Soggetto IRPEF e IRES residente in Italia

Persone fisiche: imprenditori e non

Societ ed altri enti commerciali e non

Stabili organizzazioni di soggetti non residenti con partecipazioni in paesi a fiscalit privilegiata

9

CONTROLLO DIRETTOCONTROLLO DIRETTOCONTROLLO DIRETTO

Articolo 2359 CC

Controllo di diritto:

Maggioranza dei voti esercitabili nell'assemblea ordinaria di unaltra societ

Controllo di fatto:

a) voti sufficienti per esercitare un'influenza dominante nell'assemblea ordinaria di unaltra societ

b) una societ in grado di esercitare uninfluenza dominante su unaltra societ in virt di particolari vincoli contrattuali (necessaria una partecipazione minima)

10

PRESUPPOSTO TERRITORIALEPRESUPPOSTO TERRITORIALEPRESUPPOSTO TERRITORIALE

BLACK LIST (in attesa della WHITE LIST di prossima emanazione)

PAESI NON BLACK LIST, in presenza di particolari condizioni (tale estensione stata introdotta dal DL 78/2009)

11

BLACK LISTBLACK LISTBLACK LIST

Articolo 167 TUIR:

DISCIPLINA ATTUALE (D.M. N. 429 DEL 21/11/2001)

Paradisi fiscali tout-court (art. 1)

Paradisi fiscali salvo che per talune attivit (art. 2)

Paradisi fiscali solo per talune attivit (art. 3) (Regime tributario sostanzialmente analogo in virt di un provvedimento o accordo con lAmministrazione Finanziaria locale)

12

Estensione del regime CFC in paesi non black listEstensione del regime CFC in paesi non black listEstensione del regime CFC in paesi non black list

COMMA 8-BIS COMMA 8-BIS

Il regime CFC trova applicazione qualora ricorrano congiuntamente due condizioni, e cio che i soggetti controllati:

Siano assoggettati a tassazione effettiva inferiore a pi della met di quella a cui sarebbero stati soggetti se residenti in Italia; e

Conseguano proventi per pi del 50% derivanti da passive income (dividendi, interessi, royalties etc) e servizi intragruppo

13

Estensione del regime CFC in paesi non black listEstensione del regime CFC in paesi non black listEstensione del regime CFC in paesi non black list

COMMA 8-BIS COMMA 8-BIS

il confronto tra la tassazione effettiva estera e quella virtuale nazionale va condotto non considerando lIRAP, ma unicamente lIRES e sue addizionali. Ai fini del confronto occorre fare riferimento al c.d. effective tax rate (rapporto utile ante imposte e relative imposte lorde sui redditi). Va effettuata in ogni esercizio

Per le holding in possesso solamente di partecipazioni PEX il carico fiscale applicato in Italia va assunto parti all1,375%.

14

TASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFCTASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFCTASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFC

tassato per trasparenza in capo al soggetto controllante italiano;

in proporzione alla quota di partecipazione agli utili;

determinato secondo le disposizioni del reddito dimpresa del TUIR,

e tassato separatamente con unaliquota media applicata sul reddito complessivo del soggetto residente non inferiore al 27%

IL REDDITO CONSEGUITO DALLA CFC:

15

TASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFCTASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFCTASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFC

Dallimposta italiana determinata in capo alla CFC secondo le regole precedentemente illustrate, sono ammesse in detrazione le imposte pagate allesteroa titolo definitivo ai sensi dellarticolo 165 TUIR

Gli utili distribuiti dalla CFC non concorrono a formare il reddito complessivo del soggetto partecipante per la quota corrispondente allammontare dei redditi soggetti a tassazione separata

Lapplicazione della disciplina delle CFC rende inoperante lindeducibilit dei costi ai sensi dellarticolo 110 TUIR, comma 10.

16

TASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFCTASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFCTASSAZIONE DEL REDDITO DELLE CFC

SE LA CFC CONSEGUE UTILE TASSABILE

Non possibile la compensazione con eventuali perdite del soggetto controllante residente, in quanto la CFC soggetta a tassazione separata.

17

QUALI SONO LE ESIMENTI PER LA DISAPPLICAZIONE

DEL REGIME CFC?

18

2 CIRCOSTANZE ESIMENTI2 CIRCOSTANZE ESIMENTI2 CIRCOSTANZE ESIMENTI

Articolo 167 TUIR:

Le disposizioni del comma 1 sono disapplicate se il soggetto residente dimostra alternativamente che:

1) La societ o altro ente non residente svolge uneffettiva attivit industriale o commerciale come sua attivit principale nel MERCATO dello Stato o nel territorio in cui ha sede (prima esimente), ovvero

2) Dalle partecipazioni non consegue leffetto di localizzare redditi in Stati o territori black list (seconda esimente)

Obbligo di interpello preventivo

19

ECCEZIONE ALLA PRIMA ESIMENTEECCEZIONE ALLA PRIMA ESIMENTEECCEZIONE ALLA PRIMA ESIMENTE

COMMA 5-BIS (introdotto dal DL 78/2009)

Lesimente di cui alla lett. a) non ricorre qualora i proventi delle societ o altro ente non residente provengono per pi del 50% da:

gestione, detenzione o investimento in titoli, partecipazioni, crediti o altre attivit finanziarie, (es. interessi, dividendi, plusvalenze)

cessione o concessione in uso di diritti immateriali relativi alla propriet industriale, letterario o artistica, (es. royalties) nonch

prestazio