chi chiamo ?

Download Chi chiamo ?

Post on 30-Dec-2015

30 views

Category:

Documents

2 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

118 Numero telefonico unico nazionale per la richiesta di soccorso sanitario La chiamata è gratuita e registrata. Chi chiamo ?. BL. TV. VI. VE. VR. PD. RO. Regione Veneto. 7 province 18.364 km 2 4.500.000 abitanti 7 centrali operative. S.U.E.M. - PowerPoint PPT Presentation

TRANSCRIPT

  • Chi chiamo ?118

    Numero telefonico unico nazionale per la richiesta di soccorso sanitario

    La chiamata gratuita e registrata

  • Regione Veneto 7 province 18.364 km2 4.500.000 abitanti 7 centrali operativeS.U.E.M.Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica

  • Centrale Operativa di Coordinamento ProvincialeS.U.E.M.Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica

    La chiamata gratuita e registrata

  • Provincia di Padova

    2141 Km2840.000 abit.388 ab/km2

  • Compiti della centrale operativaRicezione e gestione delle chiamate di soccorso telefoniche provenienti dai cittadini (118).Organizzazione del soccorso sanitario nel territorio di competenza.Gestione trasporti secondari di pazienti critici.Gestione trasporti connessi alle attivit di trapianto.Coordinamento occupazione posti letto terapia intensiva.Individuazione del luogo di ricovero pi idoneo per pazienti affetti da patologie che richiedono trattamento medico di particolare complessit o specializzazione.

  • Tipologie di rispostanon necessit di interventocoinvolgimento guardia medicacoinvolgimento pediatra ospedaliero, medico di base, pediatra di baseinvio taxi-ambulanzasoccorso e trasporto assistitosoccorso e trasporto avanzato

  • Richiesta di soccorsoInformazioni preciseLa collaborazione dellutente fondamentaleChi chiama il testimone dellevento

  • Richiesta di soccorsoMantenete la calmaLasciate che sia loperatore a formulare le domandeNumero di telefono da dove chiamateConclusa la telefonata lasciate libero il telefono: potrebbe essere necessario richiamarvi.

  • Richiesta di soccorsoMalore, trauma, intossicazioneE cosciente, respira, si muove, parla, da dove sanguinaQuante vittime, quanti e quali mezziCi sono pericoli (fuoco, tossici, ecc.)Laccesso ostacolato, persone incastrate

  • Richiesta di soccorsoLocalit esatta, via e n. civicoEventuali punti di riferimentoInviare una persona ad attendere lambulanza in un luogo facilmente individuabile.

  • A. Apertura delle vie aereeB. Breathing (Respirazione artificiale)C. Circulation (Massaggio cardiaco)

    RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE (RCP)bls=basic life supportSupporto delle funzioni di base

  • Se non d segni di rispostaAPRIRE LE VIE AEREENella persona non cosciente la lingua pu ostruire le vie aeree superiori

  • Inclinare allindietro la testa della persona soccorsaSollevare il mentoAprire la bocca e rimuovere eventuali corpi estranei che ostruiscano il cavo orale

  • G-uardate se la cassa toracica si solleva e si abbassa

    A-scoltate se vi sono rumori respiratori

    S-entite se vi flusso di aria espirata sulla vostra guancia

    La verifica va fatta per 10 secondi

  • Assicurarsi che le vie aeree siano aperte iperestendo la testa e sollevando il mentoChiudere le narici delle persona con due dita a pinzaInsufflare lentamente, per 2 secondi, nella bocca della persona fino a far sollevare il toraceSe non respiraPRATICARE DUE VENTILAZIONI EFFICACI(CON LA RESPIRAZIONE BOCCA-A-BOCCA)

  • estremamente improbabile che il soccorritore possa contrarre infezioni praticando una respirazione bocca-a-boccaCi nonostante, ci si pu sentire a disagio nel contatto diretto delle proprie labbra con quelle di un estraneo, in particolare se questi ha vomitatoIn questi casi un dispositivo protettivo quale la maschera facciale elimina ogni disagio ed esitazione nel ventilarePresidi di protezione per la ventilazione

  • Maschera facciale

  • La verifica viene eseguita osservando, ascoltando e cercando di percepire:MOvimentiTosse Polso carotideo (per esperti)REspirazione

    La verifica va fatta per 10 secondiIn caso di dubbio agire come se non vi fossero segni di circolo

    C

  • Collocare le mani al centro del torace della persona soccorsa in corrispondenza della met inferiore dello sternoComprimere il torace premendo in basso verso la colonna per 4-5 cmMantenere una frequenza di 100 compressioni al minuto

    Se non vi sono segni di circolazione (MO.TO.RE.)PRATICARE 15 COMPRESSIONI TORACICHEC

  • RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE (RCP)SEQUENZA RCP AD UN SOCCORRITORE PASSO PER PASSOPROSEGUIRE CON LA RCPAlternare 15 compressioni e 2 ventilazioni (impiegando il minor tempo possibile per passare dalle compressioni alle ventilazioni e viceversa)

  • RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE (RCP)SEQUENZA RCP AD UN SOCCORRITORE PASSO PER PASSOCONTROLLIControllare se compaiono i segni di circolo:Dopo il primo minuto (4 cicli 2/15) dallinizio della RCPI controlli successivi devono essere effettuati ogni 3 minuti

  • Defibrillatore semiautomatico esterno

    Strumento di facile usoApprendimento rapidoDiffusione della defibrillazione precoce

    Libera loperatore dallonere della diagnosi

    La legge ora ne consente lutilizzo anche da parte di personale sanitario non medico e non sanitario (laici)ARRESTO CARDIACO

  • RIEPILOGANDO.

  • Algoritmo di interventoPersona apparentemente inanimataVALUTARE LO STATO DI COSCIENZASE RISPONDEOsservaChiama 118 se necessarioSE NON RISPONDEChiama 118Richiedi il defibrillatoreVALUTA IL RESPIRO (apertura via aeree, GAS)RESPIRO PRESENTEMetti in posizione laterale di sicurezzaAttendi i soccorsiRESPIRO ASSENTEVentila due volte lentamenteVALUTA SEGNI DI CIRCOLOCIRCOLO PRESENTEContinua ventilazione 12/minControlla i parametri vitaliCIRCOLO ASSENTEINIZIARE MANOVRE DI RCP

  • La mancanza di ossigeno provoca danni al cervellolesioni irreversibili dopo circa4 - 6 minutidi arresto della circolazione del sangue

    Danno anossico cerebraleARRESTO CARDIACO

  • Segni:perdita di coscienzascosse muscolari tonico-clonichedifficolt respiratorialesioni alla lingua da morsicaturafase di coma postcriticoPRIMO SOCCORSOCONVULSIONI

  • Proteggere il pazienteControllare le funzioni vitaliNon tentare di fermarlo Allertare 1 1 8Cessate le convulsioni posizione laterale di sicurezza finch non si risvegliaPRIMO SOCCORSO IN AZIENDACONVULSIONI

  • Condizione clinica acuta causata da varie patologie primitive e secondarie

    caratterizzata da difficolt respiratoria

    Pu essere di grado lieve, moderato e grave

    La pi comune causa la BPCO

    PRIMO SOCCORSO INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

  • Sintomi:Difficolt respiratoria a riposoFame daria

    Segni:Cianosi (colorito bluastro) alle labbraSudorazioneIpertensione o ipotensione arteriosaPRIMO SOCCORSO INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

  • Trattamento:ABC della rianimazione cardiopolmonareAllertamento immediato 1 1 8Posizione ortopnoica (semiseduto)

    Tranquillizzare il pazienteArieggiare lambienteAllontanare i presentiSe possibile fornire ossigenoPRIMO SOCCORSO INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

  • OSTRUZIONE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEOLOSTRUZIONE DELLE VIE AEREE RAPPRESENTA UNA DELLE CAUSE PI FREQUENTI DI ARRESTO RESPIRATORIO E CONSEGUENTE ARRESTO CARDIACO

    IL CORPO ESTRANEO PU ESSERE RAPPRESENTATO DA QUALSIASI OGGETTO IN GRADO DI OSTRUIRE PARZIALMENTE O TOTALMENTE LE VIE AEREE SUPERIORI E DETERMINARE INSUFFICIENZA RESPIRATORIA PI O MENO GRAVE

    PER GLI ADULTI IL CORPO ESTRANEO PI FREQUENTEMENTE DATO DAL BOLO ALIMENTARE

    NEI BAMBINI INVECE SI TRATTA PER LO PI DI GIOCATTOLI DI PICCOLE DIMENSIONI

  • OSTRUZIONE VIE AEREE DA CORPO ESTRANEO

  • Ostruzione delle vie aeree da corpo estraneo - Soffocamento -Manovre di HeimlichPasso AApertura vie aeree

  • PRIMO SOCCORSOSVENIMENTO caratterizzato da improvvisa perdita di coscienza con caduta a terra, pallore spesso conseguente a fattori ambientali :Eccessivo caldoEccessivo affollamentofattori emotiviSpaventoStressVisione di sanguemancata alimentazione

  • Trattamento:ABC della rianimazione cardiopolmonareSlacciare cinture e vestitiArieggiare lambienteAllontanare i presentiTenere sotto controllo respirazione e circolazioneSi risolve spontaneamente in pochi secondi senza lasciare esitiAttenzione: non far rialzare linfortunato rapidamente; trattare eventuali lesioni da cadutaSE NON SI RIPRENDE ALLERTARE 1 1 8

    PRIMO SOCCORSOSVENIMENTO

  • coronarica con conseguente assenza di flusso di sangue ossigenato a valle della occlusioneATTACCO CARDIACOInsieme dei sintoni correlati allinfarto cardiaco, ma presenti anche in caso di angina pectoris:Dolore improvviso al centro del torace Irradiazione del dolore alle braccia, al dorso, colloImprovvisa difficolt respiratoriaDebolezzaNausea, vomito, forte sudorazioneINFARTO CARDIACO dato dalla morte di una parte del muscolo cardiaco. causata da una occlusione trombotica dellarteria

  • Il 75% dei casi di arresto cardiaco dovuto a fibrillazione ventricolare

    Questa provoca un movimento incoordinato tipo tremito del cuore con perdita della funzione di pompa

    Arresto della circolazione sanguigna

    Mancanza di apporto di ossigeno a tutto lorganismoARRESTO CARDIACO

  • Eruzioni cutaneeDifficolt respiratorieShock anafilatticoPRIMO SOCCORSOREAZIONI ALLERGICHE

  • PRIMO SOCCORSOFERITA CON EMORRAGIA

  • PRIMO SOCCORSOFERITA CON EMORRAGIA

  • PRIMO SOCCORSOTRAUMI MUSCOLO-SCHELETRICI

  • PRIMO SOCCORSOTRAUMI MUSCOLO-SCHELETRICI

  • SEGNI E SINTOMIDOLORE INTENSO NEL PUNTO DI FRATTURA CHE PU IRRADIARSI A TUTTO LARTOGONFIORESEGNI EVENTUALI DI EMATOMA IN FORMAZIONEDEFORMAZIONE DELLARTO EVIDENTE SOPRATTUTTO NELLE FRATTURE SCOMPOSTEEVENTUALE DIMINUZIONE/ASSENZA DELLA SENSIBILIT TTDPRIMO SOCCORSOTRAUMI AGLI ARTI

  • PRIMO SOCCORSOTRAUMI VERTEBRALI

  • SEGNI E SINTOMI

    DOLORE INTENSO CHE AUMENTA CON I MOVIMENTIALTERAZIONI DELLA SENSIBILIT TTD ALTERAZIONI DELLA CAPACIT MOTORIA MUSCOLAREALTERAZIONI DELLA RESPIRAZIONEALTERAZIONI DELLEMODINAMICARILASCIO DEGLI SFINTERI

    PRIMO SOC

Recommended

View more >